Piccole e medie imprese, dalla Regione fondi per investimenti produttivi innovativi

Pubblicato sul sito della Regione l'elenco degli ammessi ai contributi relativi alla prima fase del bando Por Fesr 2014-2020

Più forza e competitività alle piccole e medie imprese dell’Emilia-Romagna, in particolare situate aree montane e svantaggiate. E più occupazione. E’ l’obiettivo del bando Por Fesr, relativo agli investimenti produttivi, che nel 2018 sostiene,nella prima fase, 231 imprese, il 94% di quelle che avevano presentato domanda. Gli investimenti realizzati dalle imprese ammontano a circa 59 milioni di euro, coperti in parte con oltre 15 mln di euro di contributi regionali a fondo perduto (derivanti da fondi europei) e, per il resto da oltre 44 milioni di euro erogati dal sistema bancario. Si è conclusa inoltre, avendo raggiunto il numero massimo di 150 domande, la seconda fase del bando relativa agli interventi da realizzare nel 2019. Altre risorse verranno destinate nel prossimo anno con un nuovo bando. 

“L’ampia risposta delle piccole e medie imprese a questa opportunità - commenta Palma Costi, assessore regionale alle Attività produttive - è la conferma di un sistema produttivo vitale e che vuole investire nel proprio futuro. La Regione è pronta a destinare nel 2019 nuove risorse a questa misura, per alimentare la crescita di un’economia regionale che già nel 2018 ha raggiunto il +1,4% del Pil, con l’obiettivo di favorire la buona occupazione creando nuovi posti di lavoro. La nostra priorità è garantire alle imprese la liquidità necessaria per essere più competitive, in particolare a quelle localizzate in aree montane e svantaggiate dell’Emilia-Romagna. Con il contributo dei Fondi europei agevoliamo l’accesso al credito per investire in impianti, macchinari e attrezzature che portino innovazioni di prodotto, servizi e processi, finalizzati a rafforzare e consolidare le eccellenze produttive delle piccole e medie imprese regionali”. 

Nel biennio 2018-2019 Il bando Por Fesr mette a disposizione nel complesso 30 milioni di euro, con la stima di attivare investimenti produttivi per 120 milioni di euro, tramite il ricorso delle imprese interessate a finanziamenti a medio e lungo termine erogati dal sistema bancario, con garanzia diretta dei Confidi e controgaranzia di Cassa depositi e prestiti (fondo EuReCa).  

I contributi

Saranno in particolare erogati contributi a fondo perduto pari al 20% della spesa ammissibile per ogni progetto, con un valore compreso tra 40 mila e 500 mila euro. Il 60% dei progetti presentati prevede un incremento occupazionale, un requisito che aumenta del 5% la quota a fondo perduto seguendo le indicazioni del Patto regionale per il Lavoro. Inoltre, tra le 231 imprese ammesse a finanziamento sono presenti 52 aziende della montagna più 8 localizzate in zone svantaggiate del piacentino e del ferrarese, che avranno una quota di contributo pari al 30% del valore totale del progetto. Rientrano tra le Pmi ammesse anche 8 imprese giovanili e 22 femminili, con finanziamento aumentato del 5%. I progetti ammessi nella prima parte del bando sono 56 a Bologna, 39 a Modena, 35 a Parma 25 a Ravenna, 17 a Forlì Cesena, 19 a Piacenza, 16 a Reggio Emilia, 15 a Rimini e 8 a Ferrara. L’elenco delle concessioni della prima parte del bando Por Fesr a sostegno degli investimenti produttivi delle pmi è online sul sito fesr.regione.emilia-romagna.it. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vinse 500mila euro al gratta e vinci, ora apre un'osteria "come quelle di una volta"

  • Lastre di cemento si staccano dal cavalcavia e si forma un buco di un metro e mezzo: E45 chiusa

  • Operazione incredibile al "Bufalini": musicista operato al cervello mentre suona il pianoforte

  • La colpisce con lo specchietto mentre cammina sul ciglio della via Emilia: anziana ferita

  • Scirocco e alta marea a Cesenatico, gli stabilimenti spariscono. "Acqua in strada a Valverde"

  • Savio in piena, frane in collina ed allagamenti in riviera: il maltempo fa paura

Torna su
CesenaToday è in caricamento