Come va il mercato immobiliare? I prezzi delle case in vendita in discesa a Cesena

Proprio come a livello regionale, anche i capoluoghi di provincia appaiono in salute sul fronte compravendite

Appare in salute il mercato residenziale dell’Emilia Romagna nel terzo trimestre del 2019, con valori in lieve risalita sia sul fronte compravendite che su quello degli affitti. Secondo i dati dell’Osservatorio di Immobiliare.it (www.immobiliare.it), i prezzi richiesti da chi vende casa sono aumentati di un punto percentuale nell’ultimo trimestre, mentre per i canoni di locazione è stato registrato un +0,8%. Chi vuole comprare casa in Emilia Romagna, secondo l’ultima rilevazione di settembre, deve considerare una spesa di circa 1.983 euro al metro quadro. Il prezzo mensile richiesto dai locatori si è assestato invece a 9,43 euro/mq. 

Proprio come a livello regionale, anche i capoluoghi di provincia appaiono in salute sul fronte compravendite. Nel terzo trimestre dell’anno, i prezzi delle abitazioni in vendita sono infatti in discesa solamente a Cesena (-2,2%), Ferrara (-1,3%) e Piacenza (-0,9%). Valori positivi, invece, nelle altre sette principali città della regione. Reggio Emilia e Ravenna risultano stabili con costi di vendita praticamente invariati rispetto al trimestre precedente, mentre crescono di oltre un punto percentuale Rimini (+1,5%), Parma (+1,6%) e Bologna (+1,9%). La crescita dei prezzi più importante si rileva a Modena (+2,9%), dove la richiesta di chi vende casa si aggira sui 2.000 euro/mq. Il capoluogo più caro resta invece Bologna, dove è necessario mettere in conto una spesa di 2.851 euro/mq.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche guardando alle locazioni si rilevano quasi esclusivamente variazioni positive. L’unica oscillazione a segno meno si registra a Forlì, dove i canoni sono diminuiti dello 0,7% rispetto a giugno 2019. Ancora una volta è a Modena che si registra la crescita maggiore nei tre mesi, con la richiesta media dei locatori che è aumentata di 4,6 punti percentuali. Fa segnare invece il +3,5% Reggio Emilia, città più economica della regione per affittare casa con 7,53 euro/mq. La sola città in cui richiesta mensile dei locatori supera la soglia dei 10 euro al metro quadro è Bologna (+1,5% nel terzo trimestre), dove i canoni sono arrivati a una media di 12,64 euro/mq.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre va in bici viene colpito da un'auto: è gravissimo

  • Il tragico incidente in bici, è morto dopo due giorni di agonia l'agente di Polizia

  • Tragedia sulla spiaggia di Cesenatico, trovata riversa nell'acqua: muore l'anziana turista

  • In funzione da lunedì, ecco dove saranno i 3 T-Red: "Per ridurre gli incidenti negli incroci pericolosi"

  • Dopo il lockdown il bar non riapre più: "A queste condizioni non possiamo andare avanti"

  • Coronavirus, nel cesenate tre nuovi casi e nessun decesso

Torna su
CesenaToday è in caricamento