Codice della Strada, Confartigianato: "Riforma concili sicurezza e esigenze delle imprese"

"Serve un nuovo approccio che contemperi le esigenze di sicurezza stradale con i reali flussi di traffico e le esigenze delle imprese di autotrasporto merci"

"La riforma del Codice della Strada, avviata nella scorsa legislatura e mai completata, deve essere coerente con le innovazioni tecnologiche, con le mutate esigenze di mobilità, con le nuove norme nazionali, europee ed internazionali ed il riordino delle competenze tra Stato, regioni ed Enti locali". Lo  sottolinea Confartigianato, a proposito delle proposte di legge di modifica del Codice della Strada.

"Soprattutto - prosegue - vanno attuate norme rimaste lettera morta sin dall’entrata in vigore del Codice. In particolare sollecitiamo maggiore flessibilità nella definizione del calendario annuale dei divieti di circolazione dei mezzi pesanti che oggi coincidono sempre con i giorni festivi. Serve un nuovo approccio che contemperi le esigenze di sicurezza stradale con i reali flussi di traffico e le esigenze delle imprese di autotrasporto merci".

"Sempre in tema di autotrasporto - continua Confartigianato - chiediamo la rapida  attuazione della norma della Legge di Bilancio 2019 che consente alle  imprese di autoriparazione di effettuare la revisione dei veicoli di massa superiore a 3,5 tonnellate. E in tema di revisioni dei veicoli, la Confederazione propone l’adeguamento delle tariffe all’indice Istat ogni due anni al fine di mantenere alti gli standard di qualità del servizio di revisione svolto dalle imprese".

Confartigianato sollecita: "prescrizioni e limitazioni uniformi per quanto riguarda le specifiche autorizzazioni al transito per i trasporti eccezionali e/o in condizioni di eccezionalità. Oggi ciò non accade - aggiunge il Gruppo di Presidenza - , nonostante una direttiva del Ministero dei Trasporti preveda la costituzione, tra l’altro, degli sportelli unici per l’accettazione e la gestione delle domande ed il rilascio delle autorizzazioni".

Infine la richiesta di dare "piena attuazione dell’articolo 226 del Codice della Strada che istituisce l’Archivio nazionale delle strade stabilendo l’obbligo, a carico dei gestori autostradali e degli enti proprietari delle singole vie, di indicarne e garantirne le condizioni di fruibilità anche in occasione di eventi straordinari. Le imprese solitamente non conoscono eventuali alternative in caso di chiusura di strade e, nel caso dei trasporti eccezionali, devono districarsi in una giungla di divieti e limitazioni di massa su tutto il territorio nazionale Tra le richieste di Confartigianato anche quella di consentire l’utilizzo per il trasporto di persone agli autocarri leggeri e ai veicoli commerciali pesanti per trasporto di cose".
 

Potrebbe interessarti

  • 5 trucchi per sopravvivere all'estate senza aria condizionata

  • Aperitivi all'aperto a Cesena: ecco la top 5

  • Controllo caldaie, le informazioni su pulizia e controlli fumi

  • I 5 segreti della tintarella perfetta

I più letti della settimana

  • Non rientra a casa: i familiari lo trovano in un campo sotto un trattore senza vita

  • Eleganza sui banchi del mercato, con il figlio la tradizione continua anche in negozio

  • Lattuca alza il sipario sulla nuova giunta: ecco la squadra dei suoi assessori

  • Violento scontro auto-moto sulla via Emilia: padre e figlio finiscono a terra

  • "Notte del Liscio" movimentata: cercano di salire sul palco, poi calci e pugni ai Carabinieri

  • Neurochirurgia, "Young Researcher Award": prestigioso premio europeo per il Bufalini

Torna su
CesenaToday è in caricamento