Sicurezza, Uil: "Cesena non può essere terra di conquista"

La Uil attende che le dichiarazioni di intenti delle autorità preposte alla sicurezza si tramutino in fatti concreti e che si allontani la sensazione che la città sia indifesa

La Uil attende che le dichiarazioni di intenti delle autorità preposte alla sicurezza si tramutino in fatti concreti e che si allontani la sensazione che la città sia indifesa e assomigli sempre più a "terra di conquista". "E’ il sentimento che cresce nel territorio cesenate fra la gente che è stanca di vedere ogni giorno episodi di cosiddetta microcriminalità come rapine, truffe, furti" lo segnala Ugo Vandelli della Uil.

"Tutti - continua il responsabile sicurezza del sindacato - chiedono a gran voce di mettere fine ad una situazione psicologicamente negativa. La ciliegina sulla torta è stata la violenta rapina della scorsa settimana al negozio di filatelia e numismatica di viale Matteotti, che ha visto il proprietario brutalmente pestato a sangue e ridotto in fin di vita - tuttora ricoverato in prognosi riservata - da una coppia di balordi".

"Nella stessa giornata altra rapina subita dalla Banca Romagna Cooperativa di via Veneto che si è andata ad aggiungere alla serie di furti segnalati nei negozi del centro di Cesena, e in varie abitazioni di Ronta, Pievesestina e Martorano. Zone a rischio, così come segnalato in diverse occasioni dalla nostra organizzazione sindacale da commercianti e cittadini. Contro la criminalità oggi è più che mai importante la coesione tra tutte le componenti della società civile, in modo da non disperdere le forze e collaborare per il raggiungimento del medesimo obiettivo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Occorre pertanto - conclude - rammentare ai vertici istituzionali - Prefetto, Questore e Sindaco - ognuno per le proprie specifiche competenze, che tra i loro compiti vi è anche quello di utilizzare al meglio le risorse a disposizione, anche se inadeguate e/o insufficienti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre va in bici viene colpito da un'auto: è gravissimo

  • Il bar è in regola ma la segnalazione per l'allargamento fa infuriare i titolari: "Ci fermiamo"

  • Dopo il lockdown il bar non riapre più: "A queste condizioni non possiamo andare avanti"

  • In funzione da lunedì, ecco dove saranno i 3 T-Red: "Per ridurre gli incidenti negli incroci pericolosi"

  • Drammatico schianto nella notte sull'A14: perde la vita un cinquantenne

  • Coronavirus, nel cesenate tre nuovi casi e nessun decesso

Torna su
CesenaToday è in caricamento