Rocca Malatestiana, la nuova gestione si presenta: "Vogliamo darle un aspetto museale"

L'assessore Christian Castorri: "Un avvio senza una precisa programmazione ma va bene così dopo il rischio di tenere chiuso per tutta l'estate, in attesa del giudizio del tribunale”

E' partita la nuova gestione della Rocca Malatestiana di Cesena da parte della ditta Agorasofhia  Edutainment di Lecce, vincitrice del bando emesso dal comune. Un inizio accelerato dai tempi e molto provvisorio, visto che solo da pochi giorni il tribunale, verso il quale si era rivolta la vecchia gestione per far valere i propri diritti, ha dato via libera alla nuova. “Un avvio senza una precisa programmazione come merita un complesso monumentale come la Rocca – ha detto l'assessore Christian Castorri – tuttavia va bene così dopo il rischio di tenere chiuso  per tutta l'estate in attesa del giudizio del tribunale”.

Non si nasconde certo le difficoltà del momento, il presidente  di  Agorasofhia  Edutainment Tommaso Morciano, che tuttavia sottolinea  che la ditta che presiede ha grande esperienza nel valorizzare e gestire complessi monumentali, infatti attualmente  opera a Castel del Monte, al Castello Svevo di Trani, al Castello Svevo di Bari, nel  Museo Archeologico di Gioia del Colle, nel Parco Archeologico di Monte Sannace, nel  Museo Archeologico Nazionale di Taranto, nel Museo e Parco Archeologico di Egnazia e poi nel  Monastero di Santa Maria Colonna a Trani e il Bookshop  del Museo Archeologico di Milano. “Quello che noi puntiamo è dare un aspetto museale alla Rocca Malatestiana. Al momento abbiamo in programma un inizio provvisorio, ma andremo a regime nel 2020”.

“Vogliamo – ha continuato il presidente – che chi entra e poi esce si porti dentro un'emozione delle  cose che ha visto, in quest'ottica puntiamo a valorizzare quello che è esistente come il museo della Storia dell'Agricoltura e il museo delle armature”. Entro la fine di giugno si allestiranno alcuni servizi essenziali come la  biglietteria informatizzata e integrata anche con i titoli di accesso in convenzione e info point presso il piano terra della Casa del Custode, seguirà l'allestimento del  bookshop. Sempre nello stesso periodo  ci sarà una nuova organizzazione dei flussi turistici, delle visite guidate e dei percorsi di mostra per fasce orarie, differenziando l’offerta dei percorsi medesimi,  per prezzo del biglietto e tipologia di utenza.

 A fine giugno avverrà  la calendarizzazione di eventi culturali e artistici, sia di natura didattica/conoscitiva e sia intrattenitiva negli spazi della corte interna e per quelli disponibili al piano superiore della Casa del Custode. A fine luglio la produzione di audioguide e la riattivazione del servizio di caffetteria e ristorazione, invece  da settembre valutazioni specifiche sui migliori processi di raggiungibilità e accessibilità alla Rocca, con una attenzione particolare per la fruizione da parte delle persone con disabilità. Il complesso vedrà, inoltre, una nuova presenza di eventi suddivisi in base alla stagionalità non solo educativi, ma anche divulgativi e intrattenitivi con la presenza di volti noti e di richiamo: Maturina Fantesca, Erede di Leonardo Da Vinci-Patrizia Lo Fonte (luglio 2019),  Saxofollia(25 Luglio 2019) , Enrico Lo Verso –Uno Nessuno e Centomila-Produzione Ergo Sum (fine Agosto 2019), Hobbiton-2 giorni dedicati al mondo Tolkien in collaborazione con la Società TolkenianaItaliana (Mostre - Dibattiti – Illustratori - Cosplayer) nella  prima settimana Settembre 2019, Readingcome «Il mio nome è Nessuno» con Valerio Massimo Manfredi e Sebastiano Somma a settembre 2019.

rocca cs-2

 Il progetto di gestione prevede nell'arco di sette anni di concessione la costituzione di sinergie territoriali in un'ottica di filiere e industrie culturali, lavorando sul concetto di valorizzazione di 'rete' e dall'altro facendo evolvere il concetto di fruizione come primario punto di interesse della città quale luogo di incontro abituale per i cittadini e polo di attrazione irrinunciabile per i turisti, al momento sono in corso contatti con nuovi partner in una visione molto ampia.

L'accordo economico per tutto il periodo della concessione prevede che il comune erogherà al concessionario un corrispettivo di trentamila euro più iva sulla base di dell' offerta presentata al ribasso del 26,65 per cento in fase di gara. Il concessionario corrisponderà al comune un canone annuo di seimila e quattrocento euro più iva, trattenendo per sé gli incassi dei biglietti di ingresso e di quelli derivati dagli eventi che promuoverà, dai matrimoni e dall'attività del punto di ristoro. Le stime di affluenza parlano di circa ottantamila persone all'anno di cui circa dodici/quindicimila che usufruiranno di servizi a pagamento come le visite guidate, l'accesso alle esposizioni, i laboratori di attività e altro.

Potrebbe interessarti

  • Alla larga dalle mie piante! Come combattere gli insetti dannosi per il giardino

  • Congelare correttamente gli alimenti: buone pratiche per difendere la salute

  • Il sapore dell'estate: 5 ristoranti in cui assaporare la cucina di pesce a Cesena

  • Power nap: 20 minuti per ripartire alla carica

I più letti della settimana

  • Trema la terra: scossa di terremoto, in tanti lanciano l'allarme sui social

  • Violento schianto nella notte in autostrada: due morti e tre feriti

  • Il terribile schianto mentre andava al lavoro, spezzata la vita del giovane aiuto cuoco

  • Violento scontro con il camion, la coppia salta giù dalla moto prima dell'impatto

  • Ennesima sciagura stradale: giovane scooterista perde la vita nello scontro con un furgone

  • Auto contro il new jersey per un colpo di sonno: muore un ventenne, gravissimo l'amico

Torna su
CesenaToday è in caricamento