Riqualificazione delle tre piazze: in arrivo 1,8 milioni di euro dal Governo

L’amministrazione comunale ha già definito i prossimi passi del crono-programma

In arrivo 1 milione e 800mila euro di finanziamento per la dare un nuovo volto alle piazze Almerici, Bufalini e Fabbri. Il Comune di Cesena, infatti, è stato ammesso fra i beneficiari del programma straordinario di intervento, varato dal Governo con la legge di stabilità 2016, per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei Comuni capoluogo di provincia. Lunedì mattina la Giunta ha approvato la convezione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri, avviando nei fatti la procedura per l’erogazione del contributo.

"Siamo molto soddisfatti per questa bella notizia - commentano il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore ai Lavori Pubblici Maura Miserocchi -. Avevamo presentato la nostra candidatura nell’agosto del 2016, classificandoci al 97° posto, e questo ci faceva ben sperare: infatti, anche se la prima tranche di erogazione dei contributi era destinata ai primi 24 progetti in graduatoria, con lo stanziamento successivo di nuove risorse siamo riusciti a conquistare il finanziamento. Ora, grazie alla somma riconosciutaci dal Governo, copriremo oltre il 50% dei costi preventivati, che ammontano complessivamente a 3 milioni e 300mila euro”.

Intanto, l’amministrazione comunale ha già definito i prossimi passi del crono-programma. "Abbiamo sempre detto che l’iter delle tre piazze sarebbe stato avviato solo dopo la conclusione di Piazza della Libertà, e così sarà. Entro i primi mesi del 2018 – riferiscono sindaco e assessore - si arriverà all’approvazione del progetto definitivo e di quello esecutivo, per poi lanciare la gara nei mesi successivi. L’obiettivo è di aprire il cantiere nella primavera del 2019 con la previsione di concludere i lavori entro il 2020".

Scaturito dal concorso di idee lanciato dal Comune nel 2011 e vinto dal gruppo cesenate composto da Marco Ceredi, Francesco Ceredi,  Paolo Ceredi e Sara Burnacci, il progetto per la riqualificazione delle tre piazze mira a ridisegnare la fisionomia dell’intero comparto intorno alla Biblioteca Malatestiana, prevedendo la ristrutturazione  architettonica e funzionale  non solo di piazza Bufalini, piazza Almerici, piazza Fabbri, ma anche di vicolo Masini. Tema centrale del progetto è la restituzione del sistema delle tre piazze a una vocazione prettamente pedonale e ciclabile, mantenendo un percorso di accesso per le auto solo in piazza Fabbri e al parcheggio interrato. Sarà invece potenziato l’accesso ciclabile, destinando ampie zone ai bordi di piazza Bufalini al parcheggio delle bici.

L’ingresso, oggi anonimo, del Palazzo del Ridotto verrà evidenziato e valorizzato con l’installazione di una pensilina di linea moderna (si presenterà come un grande ‘foglio’ di acciaio bianco piegato e sospeso a 7 metri di altezza. I chioschi oggi occupati dalla piadina e dall’edicola saranno ricollocati in altra posizione, liberando il corridoio d’accesso verso la Malatestiana. Altro elemento di novità è rappresentato dal sistema di fontane a raso prospiciente al Palazzo del Ridotto. Un ruolo importante, infine, è affidato al verde. In particolare, piazza Bufalini è destinata prevalentemente a giardino. E, naturalmente, saranno mantenuti i lecci già presenti, sulla base delle indicazioni arrivate dai cittadini con la consultazione on line svoltasi l’estate scorsa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pochi metri poi lo schianto, l'ultimo volo di Paolo: la passione smisurata per il deltaplano

  • Lastre di cemento si staccano dal cavalcavia e si forma un buco di un metro e mezzo: E45 chiusa

  • Lo schianto col deltaplano non gli dà scampo: uomo morto sul colpo

  • Incubo per una 11enne: entra in casa e si trova di fronte i ladri

  • Litiga con la madre e tenta il suicidio: 20enne salvato in extremis

  • Migliaia di uccelli sulla città, cinguettio assordante e auto bersagliate dal guano: la spiegazione del fenomeno

Torna su
CesenaToday è in caricamento