“La Romagna del vino cresce", anche a Cesena i corsi per i futuri sommelier

“Il numero di appassionati che vogliono conoscere in maniera più approfondita il mondo del vino cresce sempre di più"

Il consiglio sull’etichetta giusta, riconoscere un vino dal sentore olfattivo, l’abbinamento migliore al piatto preferito, le tante tipologie di vitigni, il legame col territorio. Tutto questo e tanto altro sono al centro dei corsi di Ais Romagna che offrono una panoramica a 360 gradi sul mondo dell’enologia per formare i futuri ambasciatori del nettare di Bacco. Sette sono le proposte formative per tutti i livelli. “Una cosa è certa: dopo avere frequentato i corsi Ais nessuno avrà più timori davanti a una bottiglia”, spiega Roberto Giorgini, Presidente di Ais Romagna.
Cesena, Forlì, Lugo, Riccione, Faenza: sono le cinque località che ospitano i percorsi formativi che vanno dalle nozioni di base di primo livello a quello finale di terzo livello che porta alla qualifica di sommelier.

Più nel dettaglio, la nuova sede di Cesena ospita tutti e tre i livelli formativi coordinati dal delegato Ais di Cesena Adolfo Treggiari e da Roberto Giorgini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il numero di appassionati che vogliono conoscere in maniera più approfondita il mondo del vino cresce sempre di più - prosegue il cesenate Giorgini – Questo grazie anche alla spinta di una terra di Romagna capace negli ultimi anni di alzare in maniera esponenziale l’asticella della qualità produttiva. Prendiamo l’annata enologica 2019 da poco alle spalle: ha registrato circa un -20% in quantità, tuttavia le aspettative sulla qualità sono alte tanto che non vediamo l’ora di stappare le bottiglie per scoprirlo di persona. Questo perchè l’idea di Romagna figlia di un dio minore rispetto ad altre realtà enologiche è lontana, come emerso nell’ultimo quindicennio. Per questo abbiamo bisogno di persone preparate che sappiano comunicare il valore del nostro territorio e facciano i promotori in giro per l’Italia e oltreconfine”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tragico incidente in bici, è morto dopo due giorni di agonia l'agente di Polizia

  • Tragedia sulla spiaggia di Cesenatico, trovata riversa nell'acqua: muore l'anziana turista

  • Agro-alimentare, il Gruppo Amadori cede Fattoria Apulia: l'operazione 

  • Cesenatico, dalle spiagge libere alle aree polifunzionali: ecco l'ordinanza balneare anti-Covid

  • Eccesso di movida in centro, un weekend di segnalazioni: "Così perdiamo tutti"

  • Gozzoli: "Troppi assembramenti, penso di stoppare il take away. Notte Rosa? Sarà rivoluzionata"

Torna su
CesenaToday è in caricamento