Il Comune di Cesena tra i paladini della sostenibilità

l Comune di Cesena fa ora parte della rete INFEAS, il network regionale che coinvolge soggetti pubblici e privati al fine di elaborare e coordinare programmi di educazione e di sensibilizzazione alla sostenibilità

Redazione 9 agosto 2012
2

Il Comune di Cesena fa ora parte della rete INFEAS, il network regionale che coinvolge soggetti pubblici e privati al fine di elaborare e coordinare programmi di educazione e di sensibilizzazione alla sostenibilità. Nei giorni scorsi, infatti, la Regione ha accolto la domanda di accreditamento presentata dal Comune di Cesena per il proprio Centro di Educazione Ambientale e alla Sostenibilità (CEAS), appena istituito, che mira a diventare il punto di riferimento territoriale per l'educazione alla sostenibilità, e si impegnerà per elaborare e attuare programmi educativi e proposte di approfondimento, con l'obiettivo di promuovere a Cesena una politica ambientale organica e incisiva per incoraggiare sempre di più i cittadini ad adottare, fin da piccoli, stili di vita più sostenibili.

“Da tempo – sottolineano il Sindaco di Cesena Paolo Lucchi e l’Assessore alla Sostenibilità Ambientale Lia Montalti - Cesena dedica grande attenzione ai temi dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile, declinati nella loro accezione più ampia attraverso numerose iniziative di vario genere.  E a testimonianza della sensibilità diffusa su questi argomenti, a promuoverli sono diversi settori comunali (dal settore Ambiente al Centro di Documentazione Educativa), ma anche altri enti e realtà associative del territorio. Partiamo da questo ricco patrimonio di progettualità per costruire proposte sempre più interessanti ed efficaci, promuovendo il coordinamento e la collaborazione fra i vari soggetti interessati. E’, appunto, questo il compito affidato al neonato Ceas: vogliamo che diventi un punto di riferimento e che operi in sinergia con i soggetti privati e del terzo settore già impegnati in questo ambito, promuovendo una gestione coordinata e razionale, per utilizzare meglio le risorse ed evitare sovrapposizioni e doppioni per una maggiore incisività dell’azione comunicativa ed educativa. L’accreditamento e il conseguente inserimento nel network della Regione rappresentano un primo importante riconoscimento del cammino che abbiamo intrapreso e ci permette di poter contare su un’ampia rete di competenze, sullo scambio di esperienze con altre realtà, sul supporto complessivo della stessa Regione. Intanto, a partire da settembre avvieremo l'elaborazione del programma di attività del Centro, e lo faremo attraverso il confronto che coinvolga tutte le organizzazioni e associazioni che si occupano di sostenibilità”.

In tutto sono stati accreditati 36 Centri di Educazione Ambientale e alla Sostenibilità. Quello di Cesena è uno dei 10 (insieme a quelli delle città capoluogo di Provincia) classificati come CEAS Multicentro per l’educazione e la sostenibilità nelle aree urbane, sulla base della tipologia sperimentale che la Regione ha proposto alle città capoluogo di provincia. Fra i compiti ad essi affidati, c’è quello di una maggiore collaborazione con il territorio, tramite l’istituzione di accordi per l’inclusione nella rete delle realtà associative e private desiderose di cooperare con l’amministrazione nell’ambito della sostenibilità intesa in senso ampio: non solo come rispetto dell’ambiente, ma anche come sviluppo basato sulla cittadinanza attiva per la promozione di valori come la democrazia, i diritti umani, la pace, i rapporti equi e solidali e l’uso ragionevole delle risorse naturali. Una sorta di "filo verde" che deve cucire insieme ogni azione progettuale relativa all’educazione, l’informazione e la comunicazione di tutti i settori comunali e dei soggetti che sul territorio si impegnano per la diffusione di una cultura rispettosa dell'ambiente e delle risorse.
 

Annuncio promozionale

ambiente

2 Commenti

Feed
  • Avatar di MARCO CASALI

    MARCO CASALI Che dire Enrico, il progetto sembra bello! Poi leggi sui giornali che nel mese di ottobre verranno presentati i progetti fra cui anche Savio Beach che da quanto si legge nei comunicati non sarà oggetto di discussione; a mio avviso, visto che il centro ha la funzione di cooperare con le associazioni che si interessano di ambiente, pare forse il caso di interessare le stesse al tema anche per verificare se sussiste effettivamente un uso ragionevole delle risorse naturali nel caso specifico.

    il 9 agosto del 2012
  • Avatar di Enrico

    Enrico Il progetto Savio Beach mi sembra ottimo per presentarsi al network INFEAS......

    il 9 agosto del 2012