Via i cassonetti dal cuore di Cesena, per la differenziata arriva la stazione ecologica con la tessera

Cinque mezzi di "Ecoself", la stazione ecologica itinerante per raccogliere i rifiuti nel centro storico, inizieranno a girare per le vie per farsi conoscere dai cittadini

Il 13 novembre cinque mezzi di "Ecoself", la stazione ecologica itinerante per raccogliere i rifiuti nel centro storico, inizieranno a girare per le vie per farsi conoscere dai cittadini. Gli obiettivi principali sono due: migliorare la situazione estetica nella parte più turistica di Cesena e favorire una maggiore raccolta differenziata. Il progetto pilota (non ne esistono altri in Italia) consiste in una stazione ecologica "fai da te" che arriva sotto casa si ferma per due ore in vari momenti della giornata e sostituirà i classici cassonetti, molto poco estetici e spesso più ingombranti. 

Ecoself servirà gli abitanti del centro storico (indicativamente quella che va da piazza del Popolo ai Giardini Pubblici, ancora più ristretta della zona a traffico limitato)che sono complessivamente 1800 utenze, mentre nelle altre aree partirà il porta a porta per l'organico e l'indifferenziato. Gli esercizi commerciali (che producono molto cartone) e i ristoranti (molto organico) saranno contattati nello stesso periodo per capire meglio come organizzare la raccolta. Non è escluso che parte di loro possa conferire anche nell'Ecoself. 

Ma come funziona questa isola ecologica itinerante? A ogni utenza (informata preventivamente porta a porta e con assemblee pubbliche) verranno consegnate due tessere magnetiche personalizzate che serviranno per accedere a Ecoself. Avvicinando la tessera al lettore ottico sarà possibile aprire i cassonetti (che sono 5: cartone, plastica, vetro, indifferenziato e organico) e riporre i rifiuti. Questo permette la loro tracciabilità, cioè la possibilità di seguirli nel loro percorso dal cittadino all'impianto di recupero, assicurando così il controllo della filiera. Per l'indifferenziato il contenitore sarà dotato di una calotta così da poter misurare l'esatta volumetria dei conferimenti in preparazione della tariffa puntuale che dal 2020 farà pagare solo il rifiuto effettivamente prodotto destinato allo smaltimento e non al recupero. L'Ecoself andrà a raccogliere anche gli oli alimentari, i piccoli Raee (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche) le lampade a basso consumo e piccole sorgenti luminose. 

VIDEO - Come funziona l'Ecoself itinerante

Le postazioni

Le postazioni in cui Ecoself a regime sosterà più volte al giorno e per periodi di due ore circa sono 9: piazza del Popolo 22, via Cesare Battisti 11, Piazza Almerici (di fianco all'ingresso di Palazzo del Ridotto), via Roverella 5 (angolo con corso Sozzi), via Martiri d'Ungheria 6, via Cesare Montanari 2/C, piazza Isei, piazza Aguselli 45, via Pier Maria Caporali 19. Ogni postazione sarà contraddistinta dalla presenza di un totem che indicheraà gli orari in cui Ecoself sarà attiva in quel punto. 

Periodo di prova e partenza

A precedere la partenza vera e propria del servizio (7 gennaio 2019) sarà un periodo di prova di oltre un mese e mezzo (dal 13 novembre al 31 dicembre) in cui gli abitanti del centro potranno familiarizzare con il nuovo metodo sperimentale e il Comune e Hera potranno aggiustare tempi, modalità e orari per venire incontro con maggiore facilità alle esigenze degli utenti. 

Incontri pubblici

Dai primi di dicembre sarà Hera a contattare i cittadini e a recarsi presso le famiglie coinvolte per consegnare il materiale per la raccolta, il kit informativo e la tessera per aprire gli scomparti di Ecoself. Ma il 12 novembre e il il 12 dicembre (alle 20.30 al Palazzo del Ridotto) l'Amministrazione Comunale ed Hera hanno organizzato due incontri pubblici con gli abitanti per informare e rispondere a tutti i quesiti. 

"E' un modello innovativo in cui crediamo molto - ha spiegato Francesca Lucchi, assessore alla sostenibilità ambientale del Comune di Cesena - e quello che ci prefiggiamo, oltre a migliorare l'impatto estetico del centro storico, è di aumentare ancora di più i volumi della raccolta differenziata. Siamo migliorati moltissimo in questi ultimi anni e ormai siamo a un passo dall'obiettivo regionale del 70% previsto per il 2020. Per quanto riguarda il 2018 siamo già oltre al 65% e contiamo di chiuderlo con un dato molto positivo". "C'è una piccola battaglia che si sta consumando a Cesena - le ha fatto eco il sindaco Paolo Lucchi - tra chi non ha senso civico e abbandona i rifiuti ingombranti fuori dai cassonetti (e per fortuna sono pochi) e chi ci segnala ogni giorno queste brutture. Siamo contenti che siano molto più numerosi i cittadini che hanno a cuore la loro città, e vogliamo dire loro che noi combattiamo dalla loro parte. E infatti stiamo valutando di  incentivare i controlli diretti nei rifiuti e l'installazione di telecamere trappole per scoraggiare comportamenti che vanno a svantaggio di tutta la comunità". 

Cartina calendario-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La notte trasgressiva a tre col transessuale finisce a sassate: nei guai coppia di fidanzati

  • Operazione incredibile al "Bufalini": musicista operato al cervello mentre suona il pianoforte

  • Savio in piena, frane in collina ed allagamenti in riviera: il maltempo fa paura

  • Nella disco scoppia la rissa, il locale stoppa la serata: "Coinvolte anche due ragazze"

  • Divora con tranquillità 385 cappelletti e batte il record: "Il segreto? Un giro in bici"

  • Migliora la situazione maltempo, a Cesenatico rotte due dune per contenere la furia del mare

Torna su
CesenaToday è in caricamento