Cesenatico, colonie abbandonate e lotta al degrado. Il sindaco ai proprietari: "Mettere in sicurezza le strutture"

Nella lettera si intimano i proprietari ad intervenire per mettere in atto ogni mezzo di difesa passiva

Il sindaco di Cesenatico Matteo Gozzoli ha inviato una lettera a tutti i proprietari delle ex colonie marine situate nel territorio comunale di Cesenatico che versano in stato di abbandono e degrado.  La lettera, controfirmata dalla dirigente della Polizia Locale Iris Gavagni, è stata indirizzata ai proprietari delle 25 colonie abbandonate; nello specifico 17 situate nella zona di Ponente e 8 in quella di Levante.

Nella lettera si intimano i proprietari ad intervenire per mettere in atto ogni mezzo di difesa passiva o di impedimento fisico teso ad ostacolare l’utilizzo abusivo e incompatibile con lo stato precario della colonia stessa. Inoltre un altro obbligo a carico dei proprietari è la manutenzione delle aree cortilizie: lo sfalcio dell’erba, le potature e il ripristino delle recinzioni. Oltre al richiamo all’ordinanza sindacale del 23 aprile 1997 viene richiamato l’articolo 31 ter del “Decreto sicurezza” convertito poi nella legge numero 132 del primo dicembre scorso.

La comunicazione a tutti i proprietari è un ulteriore passo che fa seguito agli incontri avvenuti in Prefettura e aventi ad oggetto il monitoraggio degli immobili abbandonati, al fine di evitare occupazioni abusive, degrado e pericoli collegati alla sicurezza. Nei mesi scorsi, infatti, Polizia Locale di Cesenatico e Carabinieri hanno svolto un monitoraggio accurato di tutte le colonie esistenti, individuando le criticità e le varie aperture che devono essere ripristinate dai proprietari.

"Sul tema dell’occupazione degli immobili abusivi - spiega il sindaco Gozzoli - c’è molta attenzione da parte del Prefetto e delle forze dell’ordine. Insieme alla Polizia Locale stiamo collaborando per sollecitare tutti gli interventi necessari per migliorare le situazioni di degrado che, in alcune aree di Cesenatico, hanno ormai raggiunto livelli inaccettabili. Come indicato anche dalla Prefettura all’interno del nuovo regolamento di Polizia Urbana, al quale stiamo lavorando, inseriremo articoli specifici sul decoro e sulla sicurezza degli immobili abbandonati per sanzionare i proprietari inadempienti. Si tratterà di una misura ad hoc, condivisa con la Prefettura, per superare le ormai datate ordinanze sindacali".

"Va detto - conclude il sindaco - che questo lavoro prezioso svolto dai nostri agenti insieme ai Carabinieri spesso si deve confrontare anche con immobili che sono coinvolti in procedure fallimentari e, in questi casi, vi sono diverse difficoltà per ottenere i ripristini. Inoltre, proprio in questi giorni, stiamo intervenendo su via Cristoforo Colombo con la sostituzione dei vecchi impianti di pubblica illuminazione che sono stati convertiti a led; si tratta di un’altra misura di contrasto al degrado, un’area maggiormente illuminata è più sicura e meno appetibile per i mal intenzionati".

matteo-gozzoli-4

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Danni causati dalla piena del Savio, proclamato lo stato di crisi regionale

  • Politica

    Interviste personali, Valletta è cantante e allenatore: "Sui libri di storia non capiranno la nostra inerzia sul clima"

  • Sport

    Il Cesena non snobba la Poule scudetto, 3-1 alla Pergolettese e pass per le semifinali

  • Cronaca

    Un libro sulle 'fake news', Marino Biondi: "Internet? Non è uno strumento così democratico"

I più letti della settimana

  • Una fuga di oltre 100 chilometri. L'edizione 2019 della Nove Colli è di Federico Colone

  • Volo di trenta metri nella scarpata e schianto contro un albero: è grave

  • Un boato per Giuseppe: la festa per l’ultimo arrivato chiude la 49esima Nove Colli

  • Boato nella notte, assalto al Bancomat: i malviventi fuggono col bottino di oltre 15mila euro

  • Una bella storia di senso civico: l'avvocato perde cellulare e soldi, un migrante li trova e restituisce tutto

  • Al Bufalini il primo prelievo di polmoni a cuore fermo in Emilia Romagna

Torna su
CesenaToday è in caricamento