Banche e usura, l'indagine delle Iene fa tappa anche a Cesena

Un servizio delle Iene su banche e usura che ha un testimone anche nel cesenate. Tutto era contenuto nell'ultima puntata andata in onda in cui a iena Pelazza spiegava cosa si intende per interessi d'usura legati alle banche

Un servizio delle Iene su banche e usura che ha un testimone anche nel cesenate. Tutto era contenuto nell'ultima puntata andata in onda domenica nella quale la iena Luigi Pelazza ha spiegato cosa si intende per interessi d'usura legati alle banche. Mutui, prestiti, fidi e istituti creditizi; alcuni di quest'ultimi, secondo l'inchiesta, applicano tassi sopra le indicazioni stabilite dalla Banca d'Italia sfociando così nell'usura. Chi se ne è accorto si è rivolto a categorie o ad avvocati scoprendo di non essere più a debito, ma di vantare un credito nei confronti delle banche.

E' successo anche a Paolo Cappelli di una segheria del cesenate che, secondo quanto riferito alla iena, ha detto: «Dal 1994 al 2004 le banche mi hanno preso 30 milioni di lire l'anno». Si sono aperte le porte del tribunale e il giudice in primo grado ha condannato la banca a restituire Cappelli di ben 132mila euro. In pratica si è scoperto che da creditrice la banca era debitrice; una scoperta inaspettata, ma che lascia i segni. «Se i soldi li avessi avuti subito – ha spiegato Cappelli – non avrei venduto la terra, l'appartamento e non mi sarei ammalato di ipertensione».

Tra le vittime c'è anche Enrico Minghetti di Forlì. Le banche hanno chiesto il fallimento della sua ditta perché era in rosso di 50mila euro. Per poi scoprire che, secondo quanto detto da Minghetti a Pelazza, vantava crediti da quella banca per 80mila euro e 900mila circa da altri istituti. Va rilevato che nel servizio delle Iene non si cita nessuna banca nello specifico; due gli elementi aggiunti: prendendo in esame i dati del quarto trimestre 2012 si nota come il tasso limite indicato dalla Banca d'Italia è fissato a quota 16,38%,ma ci sono stati istituti di credito che hanno sfiorato la soglia del 60%. Cifre che poi venivano “giustificate” sotto la voce “spese collegate al credito”.

Poi la iena ha assicurato: «Se non avete chiesto prestiti alla banca potete stare tranquilli» e anche l'Abi, l'associazione bancaria italiana, getta acqua sul fuoco: «Se la banca ha sbagliato deve pagare». Ma le facce si sono rabbuiate quando c'è stata la fatidica domanda: «Cosa succederebbe se tutti i clienti scoprissero tassi d'usura e si facessero restituire i soldi?». Già, cosa succederebbe?

Potrebbe interessarti

  • 13 utilizzi del bicarbonato di sodio che ancora non conoscete

  • Il "metodo 333" per un guardaroba ordinato e completo di tutto

  • Pesciolini della carta: cosa sono e come liberarsene

  • Aspettare tre ore prima di fare il bagno dopo mangiato: tutta la verità

I più letti della settimana

  • Dopo la strage di via Dismano un altro dramma stradale: un morto e tre feriti in uno scontro frontale

  • Auto travolge un corridore: è grave. Ferito identificato dopo l'appello sui social

  • E' un'estate di sangue, nuova tragedia: centauro cesenate perde la vita

  • Incidente in un allevamento durante le operazioni pulizia: un morto

  • Salta la fila, urta una bimba e lo insulta. Scoppia la lite con ceffone

  • Il Cesena e il Rotary piangono Maurizio Borghetti: l'imprenditore con la passione dei viaggi e del calcio

Torna su
CesenaToday è in caricamento