Attentato a Charlie Hebdo: "E' un attacco alle carte costituzionali europee"

"L'atto terroristico, infatti, non può essere circoscritto solo ad un attacco alla redazione di un giornale francese, ma bensì rappresenta un attacco abominevole verso uno dei pilastri secolari della civiltà italiana ed europea"

Arriva anche da Bagno di Romagna la condanna all'attentato contro la redazione parigina del giornale Charlie Hebdo. “Di fronte a fatti esecrabili e ripugnanti come quelli di Parigi – comunica il sindaco Marco Baccini – ritengo che anche piccole comunità come la nostra, che condividono i valori ed i principi europei, abbiano il dovere morale e civico di mostrarsi solidale verso una maggiore comunità nazionale e politico-europea che è stata colpita in uno dei valori fondanti della nostra civiltà”.

“L’atto terroristico, infatti, non può essere circoscritto solo ad un attacco alla redazione di un giornale francese, ma bensì rappresenta un attacco abominevole verso uno dei pilastri secolari della civiltà italiana ed europea, che ci caratterizza nella nostra storia di conquiste civili e di identità civica. Si tratta di un attacco alle carte costituzionali di tutti i paesi europei ed occidentali ed anche alla Costituzione Italiana, che consacra tra i diritti fondamentali dei cittadini la libertà di manifestare il proprio pensiero con la parola, lo scritto ed ogni altro mezzo di diffusione (art. 21), quale precisazione dei più ampi diritti inviolabili dell’uomo (art. 2) e del principio di uguaglianza (art. 3)”.

“Proprio per questo – continua Baccini - è necessario che le rappresentanze di tutte le comunità espressione di questi principi e diritti, anche delle comunità più piccole, intervengano per dimostrare che la condanna di quei fatti trova origine e fondamento in tutto il tessuto sociale europeo, anche nei suoi angoli più modesti e lontani, e non solo nelle reazioni internazionali. Per questo mi viene da affermare in questo momento, quale segno di vicinanza maggiore, che oggi la Francia è anche Bagno di Romagna”.

“Gli accadimenti di Parigi, che fanno seguito alle recenti esecuzioni del Medio Oriente e ai numerosi attentati meno recenti, stanno dimostrando un’insidiosa e crescente distanza tra culture che trovano la massima contrapposizione proprio nella coscienza dei principi della libertà e del rispetto, prima ancora che di religione. Principi che noi coltiviamo con la parola ed il confronto e che frangenti estremisti del mondo musulmano invece coltivano grezzamente con la violenza e la morte”, prosegue il primo cittadino.

“Di fronte all’obiettivo palese di trascinare la società ad uno scontro tra due fronti contrapposti, alimentati solo dall’odio e dalla tensione e tali da assorbire anche i frangenti più moderanti nell’onda dell’esasperazione, l’auspicio – dice il sindaco – è quello di rafforzare ancor di più la posizione europea ed occidentale intorno a quei principi che vengono oggi minacciati, combattendo la difesa della nostra civiltà con il coraggio della parola e del dialogo, ovvero su quel terreno che i musulmani estremisti dimostrano di conoscere meno e sul quale sono fragili”.

“Certamente, non è possibile fare di tutt’un erba un fascio ed a fianco della condanna è opportuno anche ricordare che molti musulmani in occidente si sentono distanti dagli atti di Parigi e si dichiarano nostri alleati. Tuttavia, così come ogni più modesta comunità locale occidentale deve intervenire per far sentire tutto il peso dei valori messi a rischio, a maggior ragione – chiude Baccini – anche tutte le comunità musulmane, sino a quelle locali e più modeste, hanno l’obbligo di dimostrare al mondo ed ai loro vicini di casa, in modo concreto e fermo, la propria sensibilità e solidarietà verso quei principi sui quali loro stessi trovano accoglienza”.        

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar di O
    O

    I Musulmani veri, non c'entrano niente. Come al solito sono gli integralisti, ce ne sono anche di cattolici, vedi quelli che uccidono i medici abortisi, che rovinano il mondo. Sogno una terra senza religioni e senza paesi, allora forse si vivra' in pace (Lennon, Imagine) (Immagina non ci siano nazioni, Non è difficile da fare, Niente per cui uccidere e morire. E nessuna religione, Immagina tutta la gente, Che vive in pace)

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Centro profughi di S.Carlo, arriva anche Rete4: "Hanno danneggiato il cancello, li denunciamo"

  • Cronaca

    Diocesi, serie di lutti in poche ore: addio a due storici preti del cesenate

  • Cronaca

    Minacciano il titolare che li sorprende a rubare, malviventi inseguiti dalla vittima

  • Cronaca

    Sicurezza? Una "galleria degli orrori" in Piazza della Libertà

I più letti della settimana

  • Dramma tra Cesena e Gambettola, persona travolta e uccisa da un treno

  • Emergenza bancomat: 4 assalti in due settimane. Saccheggiato pure il Romagna Shopping Valley

  • Consumazioni "stupefacenti" nel circolo privato: il gestore arrestato per spaccio

  • Diocesi, serie di lutti in poche ore: addio a due storici preti del cesenate

  • Assalto al bancomat del "Romagna Shopping Valley": ladri in fuga con maxi-bottino

  • Ancora un assalto al Bancomat: ma una gomma forata in E-45 lascia i ladri a mani vuote

Torna su
CesenaToday è in caricamento