Dai Patti Lateranensi tra Mussolini e Pio XI ad oggi: lo scrittore Mazzuca si interroga sui rapporti tra Stato e Chiesa

A novant'anni da quello storico accordo, il libro cerca di rispondere a tante domande, interrogandosi inoltre sul futuro dei rapporti tra libera Chiesa in libero Stato.

All'Interclub Rotary Area Romagna Centro, l'illustre relatore della serata Giancarlo Mazzuca, accompagnato dalla consorte Gabriella, ha ricordato la storia dei rapporti tra Stato italiano e Chiesa cattolioca per capirne l'evoluzione futura. Elemento centrale dell'intervento il suo libro, fresco di stampa edito da Mondadori, "Quei patti benedetti. Cosa resta oggi dei Patti Lateranensi tra Mussolini e Pio XI". Che cosa è rimasto, oggi, dello spirito del '29, anche dopo la revisione concordataria del 1984 voluta dal presidente del Consiglio Bettino Craxi? A novant'anni da quello storico accordo, il libro cerca di rispondere a tante domande, interrogandosi inoltre sul futuro dei rapporti tra libera Chiesa in libero Stato.

All'Interclub, organizzato dal rotary Club Cervia-Cesenatico, sono intervenuti i Presidenti Ester Castagnoli, Rotary Club Cesena, Giancarlo Bianchi, Rotary Club Valle del Rubicone, Claudio Cancellieri, Rotary Club Forlì, Alessandro Magni, Rotary Club Cervia-Cesenatico, Giuseppe Gentili, Rotary Club Valle del Savio, Tiziano Rondinini, Rotary Club Faenza, Paolo Bassi, Rotary Club Ravenna Galla Placidia. Erano inoltre presenti Pier Luigi Pagliarani, Past Governatore del Distretto e Maria Giovanna Giorgetti, assistente del Governatore Paolo Bolzani. Mazzuca è nato a Forlì, è laureato in Scienze Politiche all’università di Bologna e specializzato in indirizzo diplomatico alla Johns Hopkins University. È giornalista professionista e scrittore. Autore di saggi e volumi di carattere storico ed economico, ha ricevuto numerosi riconoscimenti tra cui il Premio Saint Vincent per la divulgazione economica e il Premio Guidarello per il giornalismo d’autore. Nel 2006 gli sono stati conferiti il Premio Silone e il Premio Letterario Boccaccio-Montanelli. È Consigliere di amministrazione Rai dall’agosto 2015.

Mazzuca è stato anche presidente dell'Accademia dei Filopatridi che ha sede a Savignano sul Rubicone. "Il 1929 - ha ricordato Mazzuca - era cominciato con un'ottima notizia: l'11 febbraio, il cardinale Pietro Gasparri, segretario di Stato di Pio XI, e il capo del governo fascista, Benito Mussolini, avevano firmato i Patti Lateranensi. Un accordo davvero storico che cercava di porre fine a ottant'anni di guerre e tensioni tra la Chiesa e l'Italia. Per quasi un secolo, infatti, i destini del potere temporale del vicario di Cristo, del Vaticano e della stessa città di Roma restarono molto incerti. Tanti gli episodi di quel braccio di ferro: la fuga di Papa Pio IX, l'interregno della Repubblica Romana e la restaurazione papale con le armi di Napoleone III. E, poi, ancora: la breccia di Porta Pia, il Sillabo, il Patto Gentiloni fino alla Marcia su Roma".

"In tutti quegli anni - ha proseguito Mazzuca - numerosi protagonisti cercarono inutilmente di instaurare un dialogo tra lo Stato della Chiesa e la nuova Italia dei Savoia. Poi, nel 1929, arrivarono finalmente i Patti Lateranensi, firmati nel Palazzo di San Giovanni in Laterano. Furono - ha spiegato Mazzuca - il frutto di un intenso lavoro di diplomazia, tra un «incidente» e l'altro, e vennero strutturati in tre parti: il Trattato vero e proprio che istituiva la Città del Vaticano, una enclave in mezzo a Roma che prevedeva l'extraterritorialità delle basiliche di San Pietro e di San Giovanni in Laterano, il Concordato che regolava i rapporti tra la Santa Sede e l'Italia e l'accordo finanziario che stabiliva un indennizzo a favore della Chiesa in seguito alla rinuncia a qualsiasi rivendicazione sul vecchio Stato Pontificio. Qual è l'eredità di quei Patti considerati allora provvidenziali? E che cosa è rimasto, oggi, dello spirito del '29, anche dopo la revisione concordataria del 1984 voluta dal presidente del Consiglio Bettino Craxi?". A novant'anni da quello storico accordo, il libro cerca di rispondere a tante domande, interrogandosi inoltre sul futuro dei rapporti tra libera Chiesa in libero Stato.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tavolo per l'E45, “Far diventare l’emergenza un caso di interesse nazionale”

  • Sport

    Sitting volley, il Volley Club Cesena conquista Coppa interregionale Rotary 2019

  • Sport

    Per i Tigers una serata in compagnia prima dei playoff. E un giovane tifoso vince una Ducati Scrambler e-Bike

  • Politica

    Elezioni a Savignano, Giovannini e il rilancio del centro: "Aule studio e doposcuola nelle vetrine spente"

I più letti della settimana

  • A 14 anni si stacca da Cesena e dalla famiglia, oggi sogna la Nazionale: Bianca e i sacrifici dello sport

  • A sei anni investito da un suv sulle strisce pedonali: tanta paura a San Mauro

  • Velo Ok, posizionate le prime 13 colonnine a Cesena: a breve saranno operative. Ecco dove sono

  • Lotta alla "cimice asiatica", importanti risultati contro l'insetto che minaccia le coltivazioni

  • La panineria gourmet 'gentile con il pianeta' che vuole dare nuova vita alla zona

  • Ladri "professionisti del buco" passano da un locale all'altro come gatti: maxi-bottino

Torna su
CesenaToday è in caricamento