Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Savio in piena, Savio in secca: il confronto è scioccante. E con la siccità spuntano i rifiuti

 

Il fatto che il fiume Savio sia a carattere alluvionale lo confermano le grandi piene autunnali e le altrettanto grandi secche estive alle quali i cesenati sono abituati da sempre. Nel filmato abbiamo riportato una delle sue tante piene, che possono arrivare fino a mille metri cubi al secondo, del 12 novembre dello scorso anno, confrontandola con la pochezza delle acque di questa calda e siccitosa estate 2017. Come si vede al tumultuare dei flutti sotto le arcate del Ponte Vecchio di Cesena si è sostituito un piccolo rigagnolo e al posto del grande bacino di raccolta sotto la cascatella nient'altro che una pozza d'acqua stagnante che lascia vedere il fondo e le strutture lignee delle fondamenta del ponte. Se la siccità di oggi fa temere per tante cose, in primis l'agricoltura, tuttavia il Savio ridotto in queste condizioni non è cosa nuova, il fenomeno si ripete con più o meno intensità ogni estate in particolare nei mesi canicolari come luglio ed agosto. Certo oggi sulla scarsità delle acque influiscono i prelievi degli acquedotti dei comuni della vallata che ogni anno sono sempre più assetati e il fiume fa quello che può. Tuttavia il fatto di acque basse oltre al normale potrebbe essere occasione per ripulire l'alveo sotto la cascata dove, con gli anni, si sono andati a raccogliere materiali di ogni genere. In particolare si possono notare, qua e là, resti di tronchi, radici, pezzi metallici ed in particolare numerosi pneumatici, alcuni anche di grosso diametro, certamente portati a valle dalle piene.
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
CesenaToday è in caricamento