Vittoria in rimonta per il Cesena contro la Sampierana

Prossimo appuntamento sabato a Cesenatico (20.30) contro il Mantova

Si è conclusa con la vittoria del Cesena per 3-1 l'amichevole di giovedì sera con la Sampierana. I ragazzi di mister Beppe Angelini, andati sotto a inizio ripresa (gol di Collini), hanno ribaltato il risultato grazie alle reti di Andreoli su punizione dal limite, Capellini su assist di Casadei e Ricciardo servito da Zammarchi. Prossimo appuntamento sabato a Cesenatico (20.30) contro il Mantova. I giorni di ritiro ad Acquapartita e l'amichevole con la Sampierana hanno lasciato indicazioni positive a mister Angelini. "Tutto sta procedendo per il meglio - ha dichiarato il tecnico il test in campo -, la squadra si sta allenando con grande intensità, siamo al punto in cui mi aspettavo di trovarmi".

Quanto alla gara, Angelini sottolinea che "non hanno giocato le seconde linee: sono ragazzi che fanno parte a tutti gli effetti del gruppo e ai quali avevo bisogno di concedere un maggior minutaggio. La squadra mi è piaciuta specie nel primo tempo quando abbiamo fatto girare bene il pallone anche se siamo mancati nella finalizzazione". Il gol preso? "Può capitare, quando giochi sempre nella metà campo avversaria, di farsi trovare impreparati su una ripartenza. Partite come queste, però, servono proprio a prepararci alle situazioni che troveremo di fronte in campionato: noi a fare sempre la partita, gli avversari ad aspettarci e ripartire. Dovremo farci l'abitudine".

A Giovanni Ricciardo sono bastati pochi minuti per mettere la sua firma nel successo con la Sampierana. "Il gol dà sempre morale - è il commento dell'attaccante a fine gara - anche se in partite come questa conta poco. Le amichevoli servono a mettere benzina nelle gambe e ad allenare la giusta mentalità". Ricciardo conosce bene i due partner d'attacco che, nelle intenzioni di mister Angelini, dovranno stargli di fianco: "Ho giocato sia con Tortori che con Alessandro e abbiamo sempre fatto belle cose, ma ciò non toglie che dovremo lavorare ancora per migliorare l'intesa". Come Cola, anche Ricciardo ha già vinto la serie D, impresa riuscitagli due volte: "A Siracusa ho già provato l'emozione di giocare davanti a sei o settemila spettatori, ma vedendo quanta gente ci segue già nelle amichevoli, non riesco a immaginare cosa possa accadere a Cesena se vinciamo il campionato".

Anche il difensore Claudio Cola ha tracciato un bilancio a pochi giorni dalla fine del ritiro di Acquapartita. "Abbiamo lavorato bene e allo stesso tempo è cresciuta la conoscenza all'interno del gruppo. Lo slittamento dell'inizio del campionato ci permetterà di migliorare la condizione anche se in verità non vediamo l'ora di cominciare". Dopo le promozioni dalla D con Santarcangelo e Rimini, Cola è a caccia del tris: "Due storie diverse: con il Santarcangelo sfruttammo un po' l'effetto sorpresa, col Rimini avevamo una squadra superiore ma vincemmo anche col gruppo. Ecco, se anche col Cesena uniremo i valori tecnici, che sappiamo di avere, all'unità di intentii, avremo meno problemi". Il difensore conosce già mister Angelini: "Il suo Santarcangelo divertiva e sono sicuro che anche qui vedremo un bel gioco". Il Cesena, per un cesenate come lui, è invece una novità: "E' sempre stato un sogno che si è avverato a trentadue anni. Come si dice: meglio tardi che mai".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • Focolaio di Covid all'interno dell'ospedale, il sindaco: "Situazione di emergenza"

Torna su
CesenaToday è in caricamento