Viali dopo la sconfitta: "Una mazzata che fa male, abbiamo buttato via un punto"

"Io ho visto una buona prestazione dal punto di vista del gioco e, anche se siamo arrabbiati per il risultato, dobbiamo essere bravi a prendere quello che di positivo abbiamo fatto"

Per il tecnico William Viali è difficile commentare una sconfitta figlia di qualche errore di troppo nei momenti decisivi della partita: “Questa ko è una mazzata che fa molto male. Abbiamo preso ancora gol su calci piazzati, ma non posso dire che ci è mancata l’anima come era accaduto contro la Triestina. Siamo riusciti a riprendere la partita per due volte e a comandarla in maniera netta, però nei momenti cruciali della partita dobbiamo fare molto di più: se ambiamo ad essere una squadra di livello non possiamo crollare. Abbiamo buttato via un punto che poteva essere uno step di crescita, ma dobbiamo restare lucidi e andare a individuare gli errori cavalcando la crescita che ha avuto la squadra. Io ho visto una buona prestazione dal punto di vista del gioco e, anche se siamo arrabbiati per il risultato, dobbiamo essere bravi a prendere quello che di positivo abbiamo fatto”.

La cronaca della partita

Viali ha proseguito nella sua analisi, confermando che la squadra ha fatto intravedere cose positive durante i novanta minuti, a prescindere dal risultato negativo: “Non posso fermarmi al risultato perché ci sono state anche tante cose positive in campo. Gli aspetti negativi però hanno un peso specifico importante, perché hanno determinato la sconfitta e se vogliamo essere protagonisti in questo campionato dobbiamo risolvere in fretta questi problemi. In settimana però ho capito che la squadra ha grande qualità e può fare qualcosa di grande e lo stiamo facendo intravedere anche in campo: abbiamo sempre disputato partite di livello e il gruppo si è confermato in grande crescita. Questo ovviamente è il momento più difficile, perché il risultato ci brucia tanto, ma dobbiamo essere bravi e restare lucidi nell’analisi della situazione”.

Tra gli aspetti positivi c’è la crescita fatta registrare dal reparto offensivo, trainato da due giocatori di altissimo livello: “Caturano e Bortolussi hanno fatto molto bene, abbiamo lavorato tanto sulla loro intesa e sapevamo che ci avrebbero portato risultati in fase realizzativa. La sicurezza e la confidenza stanno aumentando, ma ora dobbiamo essere bravi a non crollare e a migliorare quelle cose che ancora non ci riescono. Il risultato non è veritiero, perché siamo stati noi ad aver buttato i punti. Abbiamo provato a vincerla con equilibrio, poi abbiamo pagato dazio su un errore importante che ci ha condizionato molto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiusura sugli step che la squadra dovrà fare per ritagliarsi un ruolo da protagonista in campionato: “Dobbiamo continuare a martellare su quelli che sono i nostri miglioramenti, senza lasciarci prendere dallo sconforto. Sapevamo che sarebbero state le partite ad evidenziare determinate criticità e lavoreremo ancora più duro per risolverle nel minor tempo possibile. Allo stesso tempo devo dare merito al percorso di crescita che sta facendo la squadra, perché ci sono tanti aspetti nei quali stiamo migliorando tanto. Oggi i ragazzi hanno vissuto la partita e non hanno dato avvisaglie di un possibile calo nel finale, anzi alla lunga siamo anche venuti fuori dal punto di vista fisico. Gli stessi gol subiti alla fine sono stati fulmini a ciel sereno, perché non stavamo dando l’idea di subire una squadra forte come la Feralpisalò. Insomma, anima, intensità e voglia di comandare la partita ci sono state ma la domanda che dobbiamo farci è: perché non siamo riusciti a vincere pur giocando in questo modo. Quando si semina così tanto bisogna infatti raccogliere i risultati e noi dovremo imparare a farlo in fretta“.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento