menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tra MotoGp e Superbike, oltre 900 chilometri per Savadori a Misano: "Al top fisicamente"

Il cesenate è sceso in pista giovedì in veste di collaudatore Aprilia MotoGp in sella ad una RSGP 2019, mentre mercoledì e giovedì si è cimentato sulla RSV4 1100

Tre giorni intensi per Lorenzo Savadori al "Misano World Circuit - Marco Simoncelli". Il cesenate è sceso in pista giovedì in veste di collaudatore Aprilia MotoGp in sella ad una RSGP 2019, mentre mercoledì e giovedì si è cimentato sulla RSV4 1100 per affilare le armi in vista del Civ, il Campionato Italiano Velocità. "E' stato bello tornare in sella alla Aprilia MotoGP, le sensazioni migliorano ogni volta che ci salgo - commenta Savadori -. Aumenta il mio feeling con le gomme, con la moto, con i freni e capisco sempre di più lo stile da adottare per iniziare a sfruttarla".

Giovedì l'ex campione della Superstock 1000 ha completato più di 80 giri: "Sono piuttosto contento, sotto tutti i punti di vista". Nel Civ Savadori sarà l'anti Michele Pirro, anche lui in pista a Misano, ma viste di tester Ducati MotoGp. Commenta il cesenate: "Con la RSV4 1100 che userò nel CIV stiamo crescendo, dobbiamo ancora capire alcune cose, ma tra pochi giorni saremo nuovamente in pista per la prima gara al Mugello. Ho girato tanto nei tre giorni, più di 900 chilometri, ma fisicamente mi sento molto bene e anche questo è positivo".

Test anche per il cesenate d'adozione Pirro sulla Ducati Desmosedici GP20, autore di ben 178 giri. "Sono state tre giornate di test positive, che ci hanno permesso di riprendere confidenza con la moto dopo la lunga pausa di questi mesi - esordisce il collaudatore -. Nonostante il grande caldo, la pista, riasfaltata di recente, era in ottime condizioni e mi ha permesso di sentirmi subito a mio agio. Abbiamo ottenuto buoni riscontri cronometrici, che ci rendono fiduciosi per le due gare in programma a settembre. Inoltre, abbiamo lavorato su diverse componenti elettroniche, oltre che su alcuni aspetti rimasti in sospeso dopo lo shakedown test di Sepang e siamo sicuri che grazie a questi tre giorni, i piloti Ducati potranno arrivare al primo appuntamento di Jerez pronti per essere subito ai massimi livelli di competitività".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento