Sport

I tifosi della Mare non entrano: "La curva è aggregazione, tra mascherine e distanziamenti non si può tifare"

La Curva Mare resterà quindi priva di striscioni e altre forme di tifo organizzato, "per noi la curva significa tifo, collettività ed aggregazione, non mascherine, distanziamenti e termo-scanner"

Arriva attraverso una comunicazione motivata e pubblicata su Facebook, la posizione della Curva Mare, con il campionato ormai alle porte. Il Cesena gioca domenica sera al Manuzzi contro il Gubbio, ma il tifo organizzato bianconero conferma la decisione che non ci sarà "dopo un'attenta riflessione".

"Fino a quando perduranno le attuali condizioni e regolamenti non entreremo", si legge nel post social. Allo stato attuale è prevista una capienza degli stadi al 50%, obbligo di green pass e disposizione dei tifosi a scacchiera, oltre all'obbligo di mascherina. "Non è una posizione legata a tamponi, green pass o scelte politiche o sanitarie - spiega la Mare - semplicemente non esistono i presupposti per tornare a tifare, in casa e soprattutto in trasferta, considerati i numeri della tifoseria bianconera".

La Curva Mare resterà quindi priva di striscioni e altre forme di tifo organizzato, "per noi la curva significa tifo, collettività ed aggregazione, non mascherine, distanziamenti e termo-scanner". Il comunicato conclude affermando che "lasceremo comunque libertà di scelta ai singoli di cosa sia meglio fare, e resteremo vigili riservandoci di cambiare questa linea non appena lo riterremo opportuno".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I tifosi della Mare non entrano: "La curva è aggregazione, tra mascherine e distanziamenti non si può tifare"

CesenaToday è in caricamento