Sabato, 25 Settembre 2021
Sport

Superstock, Lorenzo Savadori regala la prima vittoria alla 1199 Panigale

Prima storica affermazione della nuova Ducati 1199 Panigale, ottenuta grazie alla vittoria della terza prova della Coppa FIM Superstock1000 conquistata da Lorenzo Savadori, portacolori del Barni Racing Team Italia FMI

Prima storica affermazione della nuova Ducati 1199 Panigale, ottenuta grazie alla vittoria della terza prova della Coppa FIM Superstock1000 conquistata da Lorenzo Savadori, portacolori del Barni Racing Team Italia FMI, all’Autodromo Nazionale di Monza. Ci aveva provato a Imola, sfiorando poi l’obiettivo ad Assen soltanto due settimane fa. Rendendosi assoluto protagonista di una gara condotta con intelligenza e tattica, il 19enne pilota di Cesena festeggia il suo primo successo nel mondo delle derivate di serie, portando per la prima volta sul gradino più alto del podio la bicilindrica di Borgo Panigale #32.

A caratterizzare l’intero fine settimana sono state ancora una volta le condizioni meteo incerte. Mentre la direzione gara dichiarava ‘wet’ race per la pioggia che fino a questa notte si era abbattuta sul tracciato brianzolo, il progressivo asciugarsi della pista rendeva la scelta delle gomme decisamente più complicata. Scelta, quella di Lorenzo Savadori, – che optava infine per le slick dietro e rain davanti – rivelatasi poi azzeccata. Al pronti via, brillante sprint del centauro romagnolo, scattato dalla quarta casella della griglia.

Dopo un’ entusiasmante bagarre ingaggiata nel corso dei primi passaggi con il compagno di squadra Eddi La Marra, il portacolori del Barni Racing Team Italia si portava al comando della corsa al terzo giro, mantenendo la leadership fino alla bandiera a scacchi, e tagliando il traguardo con un vantaggio di un secondo e sei decimi sullo svedese Bergman. A Monza risuona l’inno di Mameli, per un successo tutto italiano che consente a Savadori di volare in testa alla classifica di campionato. Mantenere la concentrazione e confermarsi ai vertici anche di fronte al pubblico di casa. E’ questo l’obiettivo di ‘Ciukkino’ in vista del prossimo appuntamento in programma il 10 giugno presso il ‘Marco Simoncelli World Circuit’ di Misano Adriatico.

 “E’ stato un fine settimana particolare – esordisce Lorenzo -. Sull’asciutto siamo andati subito bene tanto che in occasione della prima sessione di qualifiche sono arrivato a siglare il secondo crono, togliendo due secondi rispetto al mio miglior tempo, qui a Monza, fatto registrare la scorsa stagione. Sabato, invece, è stata la mia prima volta con un mille sul bagnato e non sono riuscito a fare meglio del quindicesimo tempo. Ero un po’ amareggiato, ma ho preso sempre più feeling con la moto. E sabato mattina, nel warm up che si è svolto sull’acqua, abbiamo chiuso secondi, ad un secondo di distacco dal mio compagno di squadra, che – autore della pole – soltanto un giorno prima mi aveva dato sei secondi”.

“E’ stato un week-end molto difficile per le condizioni della pista variabili – ha continuato -. Per la gara abbiamo scelto di optare per le rain davanti e slick dietro. Avrei voluto montare la slick anche davanti ma, essendo già in griglia, non abbiamo avuto tempo di cambiare. Alla luce del risultato, dico che è stato meglio così, anche perché in determinati punti la pista era ancora molto bagnata. La gara è stata difficile ma ho provato a spingere sin dall’inizio”.

“Sono felicissimo per questa vittoria che mancava da tre anni e onorato per essere stato il primo a vincere con la nuova Panigale in ambito internazionale. La Ducati 1199 ha già un grandissimo potenziale ma sta migliorando sempre più: la Ducati e il team Barni stanno facendo un ottimo lavoro. Senz’altro questa vittoria è stata una sorta di rivincita anche per me, una risposta a tutti coloro che dicevano che ero finito. Una vittoria, frutto di un grande lavoro di squadra, che ci consente di passare al comando della classifica. Abbiamo recuperato punti importanti su Barrier, sia io che il mio compagno di squadra, bloccando la sua ‘fuga’. Ho sempre detto che il campionato era lunghissimo e lo è ancora adesso. Dobbiamo rimanere concentrati, pensando solo a fare sempre meglio, ora che inizio a trovarmi davvero bene con questa moto. All’inizio del campionato sono partito con l’intento di stare là davanti, di essere protagonista del campionato. Adesso dico solo che è importante continuare così anche perché – ripeto – il campionato è ancora lunghissimo, e può riservarci tante sorprese. Non ho mai considerato Monza la mia pista ideale, per questo, vincere qui è stata una soddisfazione ancora più grande. Adesso ci prepariamo al prossimo appuntamento, che si disputerà il 10 giugno di fronte al pubblico di casa. Ringrazio ancora una volta la Federazione, la Ducati e il team Barni, perché è grazie al lavoro di tutti loro che adesso sono in testa al Mondiale”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Superstock, Lorenzo Savadori regala la prima vittoria alla 1199 Panigale

CesenaToday è in caricamento