Al Manuzzi arriva il Venezia, Camplone: "Mi aspetto una grande voglia di riscatto"

L'allenatore bianconero si sofferma sulle caratteristiche degli avversari: "Il Venezia non è una squadra troppo aggressiva e lascia giocare molto l’avversario"

La parola d'ordine è riscatto dopo la prima shock contro il Bari. Domenica sera il Cesena ospiterà il Venezia di Pippo Inzaghi. "Incontriamo una squadra di ottimo livello, una neopromossa capace di sfruttare al meglio le armi che possiede - osserva mister Andrea Camplone -. Dovremo essere semplicemente noi stessi e mi aspetto di vedere grande voglia di riscatto dopo la sconfitta di lunedì sera contro il Bari". L'allenatore bianconero si sofferma sulle caratteristiche degli avversari: "Il Venezia non è una squadra troppo aggressiva e lascia giocare molto l’avversario". Tuttavia, evidenzia Camplone, "diventa micidiale quando ha la possibilità di ripartire in velocità. Giocano molto sulle seconde palle quindi dovremo stare attenti a non sbagliare il primo passaggio. Inoltre dovremo provare a sfruttare al meglio le fasce ed essere più cinici e cattivi sottoporta".

L'obiettivo è cancellare il 3-0 incassato dal Bari: "Siamo partiti troppo timidi e dopo aver subìto il primo goal non abbiamo avuto la capacità di reagire. In Coppa Italia, a Genova avevo visto una squadra più sbarazzina, probabilmente i punti in palio ci hanno limitato di testa ed è la cosa più sbagliata". "Il campionato di serie B - prosegue il mister - è lunghissimo e nel girone d’andata non dobbiamo preoccuparci troppo dei punti piuttosto va costruita la mentalità che ti porta a giocare le partite a viso aperto con intensità e cattiveria".

Un commento anche sul mercato: "Sono contento, abbiamo portato a termine acquisti importanti. Rigione lo conosciamo tutti ed apprezziamo il suo valore, mentre Scognamiglio l’ho già avuto a Perugia e vi posso confermare che si tratta di un difensore di spessore per la categoria. Di Noia è un giovane duttile e molto interessante ed infine Cacia che credo non abbia bisogno di presentazioni". Quindi una stilettata: "Ritengo sia sbagliato concludere il mercato dopo l’inizio del campionato perché si possono venire a creare delle situazioni in cui i giocatori si concentrano di più sulle vicende di mercato che sulle partite che si vanno ad affrontare".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto auto-scooter sulla via Emilia: grave una donna sbalzata contro il parabrezza

  • Cesenatico, caccia all'affare: il Comune mette all'asta quattro case

  • Ospedale Bufalini, nuovo riconoscimento internazionale per la Neurochirurgia

  • Si cerca un nuovo proprietario per l'hotel, la base d'asta è 1,8 milioni di euro

  • Boato nella notte, la banda del bancomat fa saltare lo sportello automatico

  • Cesena set a cielo aperto, parte "Dittatura last minute": la mappa delle riprese

Torna su
CesenaToday è in caricamento