Operazioni immobiliari, la società del Cesena replica: "Nessuna attività fraudolenta"

"Quella che i media hanno definito una attività fraudolenta nei confronti della AC Cesena, è stato in realtà e nella sostanza, un rafforzamento patrimoniale", viene evidenziato

"Per verità e chiarezza". Il Cesena, attraverso una nota, cerca di fare chiarezza in merito alle indagini della Guardia di Finanza, che ha analizzato i bilanci degli ultimi anni dell'AC Cesena Spa, la società del Cesena Calcio. In particolare, in merito all’acquisto da parte della società della maggioranza dell’immobiliare Eurocostruzioni 2001, dalla quale sarebbe emerso che i soci erano per la maggior parte anche amministratori del Cesena e soci della cooperativa Cesena & Co che controlla il 99,9% delle quote dell’AC Cesena spa, viene chiarito che "l’acquisto è stato effettuato nel 2014 in parte ad un prezzo di 6 euro ad azione, con pagamento previsto in 5 anni e in parte di 8 euro ad azione per pagamento previsto in 10 anni, prezzo in linea con trasferimenti azionari effettuati nei 3-4 anni precedenti (da 2010 a 2014) a soggetti terzi".

Prosegue la nota della società di Corso Sozzi: "Come si evince dalla differenza di prezzo tra le cessioni a pagamento a 5 anni e quelli a 10 anni, il prezzo scontava la dilazione del pagamento, poiché all’atto dell’acquisto non è stato pagato neppure un euro. Non è corretto affermare che la partecipazione sia “stata rapidamente svalutata nel bilancio”". La società ribadisce e tiene a precisare che "contrariamente a quanto riportato dai media, i soci che cedettero le loro azioni non incassarono nulla né in quella occasione né successivamente, come del resto anche gli altri azionisti di Eurocostruzioni che cedettero la loro partecipazione".

"Per concludere la disamina di quella che i media hanno definito una attività fraudolenta nei confronti della AC Cesena, è stato in realtà e nella sostanza, un rafforzamento patrimoniale dell’AC Cesena con conseguente depauperamento degli ex soci della Eurocostruzioni che nulla hanno percepito. Tanto dovevasi per verità e chiarezza".

La pec non è arrivata

Nel frattempo la tanto attesa Pec, in merito alla terza proposta di transazione fiscale da parte del Cesena, non è ancora arrivata. E' stato confermato che il Cesena non ha pagato gli stipendi ai giocatori, mentre sono stati pagati quelli dei dipendenti. Il popolo bianconero attende risposte per guardare avanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vuole pagare la macchina per il caffè 3 euro, sostituisce l'etichetta: il trucchetto finisce con la denuncia

  • Coronavirus, la decisione in Emilia-Romagna: asili nido, scuole e università chiuse fino al 1°marzo

  • Tragico epilogo nelle ricerche, trovato morto l'anziano scomparso a Pievesestina

  • Coronavirus, il presidente Bonaccini: "Stiamo valutando la chiusura di asili nido, scuole, impianti sportivi e musei"

  • Tragedia al Bufalini, neonata morta: fissata l'autopsia per fare luce sul caso

  • Lupi a pochi passi dalla via Emilia, numerosi gli avvistamenti a Longiano

Torna su
CesenaToday è in caricamento