menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Superstock, Lorenzo Savadori infiamma Misano. Furiosa rimonta di Tamburini

"E' stata una gara molto difficile, ma sono felicissimo". Il talento romagnolo ha rafforzato la leadership in campionato, con 140 punti, 34 in più rispetto a Tamburini.

Lorenzo Savadori sbanca Misano. Il cesenate dell'Aprilia preparata dal Team Nuova M2 ha conquistato il Gran Premio della Riviera di Rimini, precedendo al termine di una spettacolare gara il napoletano Raffaele De Rosa e il riminese Roberto Tamburini. Furiosa la rimonta del portacolori della Bmw numero 2, risalito dalla nona posizione. A completare la domenica positiva del team Aprilia nel campionato propedeutica alla Superbike il quarto posto dell'imolese Kevin Calia.

Materializzata con un giro capolavoro l’operazione pole position (1’36.384), l’Aprilia RSV4-RF numero 32 ha impiegato un paio di cambi di direzione per riconquistare la vetta nella lotta intestina con il compagno di box Calia scattato forte allo spegnimento del semaforo rosso. Al secondo passaggio la minaccia ha preso il nome di De Rosa: il partenopeo ha messo la testa avanti, ma Savadori si è 'francobollato' nel “codino” del ducatista, che, dopo una sbandata, ha ceduto la posizione. Dodici giri vietati ai deboli di cuore, "Lorenzo Il Magnifico", con il fiato del terzetto avversario (De Rosa-Coghlan-Calia) ha provato ad imporre il proprio ritmo, ma senza scappare.

Dalle retrovie è risalito intanto Tamburini. Proprio il duello ravvicinato De Rosa-Tamburini ha favorito fatalmente la zampata finale del fuoriclasse di casa che mette tutti in fila sotto alla bandiera a scacchi. "Mi ero accorto degli inseguitori che mi tallonavano ravvicinati ma ho preferito restare sempre davanti e percorrere la mia strada", ha ammesso il cesenate.

Per "The king of Romagna", come scritto sulla maglietta celebrativa preparata per l'occasione, si tratta del quarto successo stagionale e di un ritorno sul gradino più alto del podio a Misano, dove aveva già vinto nella passata stagione con i colori della Kawasaki del team Pedercini: "E' stata una gara molto difficile, ma sono felicissimo", ha esclamato a caldo subito dopo aver parcheggiato la sua RSV4 mille e festeggiato al parco chiuso con la squadra. "Le condizioni della pista sono cambiate rispetto a sabato - ha osservato il cesenate -. Ma abbiamo portato a casa l'obiettivo, col bottino pieno di 25 punti. Sono soddisfatto del lavoro del team e dell'Aprilia. E' un onore guidare una moto così".

Il talento romagnolo ha rafforzato la leadership in campionato, con 140 punti, 34 in più rispetto a Tamburini. L’appuntamento con il possibile aritmetico trionfo iridato è fissato dopo la lunga pausa estiva, penultimo atto del calendario in programma al Circuito de Jerez de la Frontera (Spagna) domenica 20 settembre. "Il titolo? Ragioniamo tappa per tappa, i conti si fanno sempre alla fine. Dedico questa vittoria a mio padre ed al mio gruppo di lavoro, persone che operano con entusiasmo lontano dai riflettori. Un grazie al Cesena Calcio ed al portierone Francesco Antonioli per la gradita visita nel paddock, agli sponsor ed ai tifosi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Casa

Come eliminare l'odore del fumo in casa? Ecco tutti i segreti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento