menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Integrazione e tolleranza attraverso il calcio: entra nel vivo il progetto “Il CalciaStorie”

Da qualche settimana è entrato nel vivo dei lavori il progetto nazionale "Il CalciaStorie", lanciato da Lega Serie A e Uisp per diffondere la cultura dell'integrazione e della tolleranza attraverso il calcio

Da qualche settimana è entrato nel vivo dei lavori il progetto nazionale “Il CalciaStorie”, lanciato da Lega Serie A e Uisp per diffondere la cultura dell’integrazione e della tolleranza attraverso il calcio. Con il supporto di materiale multimediale, ricerche d’archivio e interviste, saranno narrati agli studenti singoli episodi o intere esistenze di calciatori, allenatori, club che hanno affrontato diverse forme di discriminazione nella loro vita.

Dopo la presentazione del progetto, lo scorso 9 dicembre, avvenuta proprio nella città di Cesena – che ha avuto l’onore di essere l’apripista a livello nazionale – nel ‘Liceo Statale V. Monti’, sono state scelte due classi prime con le quali portare avanti il progetto: la 1^cc e la 1^ds, per un totale di circa una sessantina di ragazzi coinvolti, del millesimo 2000. A Cesena non risulta si siano verificati episodi di discriminazione razziale degni di nota, almeno parlando a livello sportivo e, più nello specifico, durante partite ufficiali allo stadio. La scelta è stata dunque quella di lavorare su una storia non di razzismo, bensì di integrazione, quella di Davor Jozic, ex giocatore e allenatore in seconda del Cesena negli anni ’90 – ad oggi membro dello staff tecnico della società bianconera –, anni nei quali il suo Paese d’origine, la Jugoslavia, si stava iniziando a disgregare in una miriade di stati. Da un giorno all’altro, mentre si trovava in Italia, nel pieno della sua carriera, Davor si è trovato con una nuova nazionalità, quella bosniaca, senza sapere più chi fosse realmente: ha scelto dunque l’Italia per la sua nuova vita, sentendosi a casa sin da subito a Cesena.
Davor ha dato la sua disponibilità per venire nella classi del Liceo, dialogando con i ragazzi di entrambe le classi. L’A.C. Cesena ha mostrato piena collaborazione sin dall’incontro di lancio del progetto lo scorso 9 dicembre. Sulla storia di Davor stanno lavorando gli studenti, unendo con il risvolto sportivo una parte storica riguardo alle politiche dei Balcani post-Tito e una parte sociale sulle tematiche dell’integrazione a Cesena. I lavori con lezioni accademiche sono iniziati a fine febbraio, e proseguiranno nelle prossime settimane; l’obiettivo è trasmettere memoria e storia, valori sociali e passione per lo sport. Attraverso giochi, attività e tecniche innovative come il role-play – gioco di ruolo – i ragazzi saranno portati a scoprire e a farsi portavoce del valore dell'integrazione e della multiculturalità.

Oltre allo stesso Davor Jozic, sarà intervistato dai ragazzi nei prossimi giorni l’assessore alle politiche sociali del Comune di Cesena Simona Benedetti, persona di certo tra le più idonee per dialogare coi ragazzi sui valori dell’integrazione nel nostro comprensorio. I ragazzi saranno impegnati in orario scolastico per poco più di una decina di ore, e dovranno produrre degli elaborati che saranno poi consegnati alla Figc-Uisp nazionale, per essere confrontati con i lavori dei coetanei delle altre quattordici città con squadre in Serie A.
“Il CalciaStorie” - Storie di integrazione dal profondo del calcio, è promosso da Lega Serie A, Unione Italiana Sport Per Tutti (Uisp), Associazione Italiana Calciatori (Aic), SKY, Telecom e Panini, con il patrocinio del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, e coinvolge tutte le 15 città italiane, sedi dei club della Serie A TIM. Per la realizzazione del progetto sono utilizzati i fondi derivanti dalle sanzioni irrogate dal giudice sportivo durante il Campionato di Serie A TIM. Il progetto a livello locale è coordinato da Enrico Rossi, segretario della Lega Calcio Uisp di Cesena e Davide Fabbri della Uisp di Forlì, affiancati da Gian Piero Travini, giornalista de La Voce di Romagna e Mirco Cacucci, sempre della Uisp di Forlì.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Benessere

Come rassodare il seno a casa: ecco gli esercizi push up

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento