Integrazione attraverso lo sport, parte da Cesena il progetto nazionale “Il Calciastorie”

A Cesena il progetto è stato accolto con entusiasmo dai ragazzi, sono coinvolte ben 20 classi con ragazzi di età compresa tra i 14 e i 16 anni.

A conclusione dell’anno in cui è stata Città Europea dello Sport, Cesena fa da apripista in un progetto nazionale lanciato da Uisp e Lega Calcio di serie A con il coinvolgimento di tutte le città delle squadre di serie A, per diffondere fra i ragazzi la cultura dell’integrazione attraverso il calcio. E’, infatti, il liceo classico “Vincenzo Monti” di Cesena il primo istituto italiano ad ospitare un incontro del progetto “Il Calciastorie”. L’appuntamento è per martedì, alle 9.30, nell’aula magna del Liceo: vi parteciperanno tutti gli studenti delle classi del biennio.

Interverranno, tra gli altri Carlo Balestri, responsabile politiche internazionali Uisp; Marco Brunelli, direttore Lega Calcio Serie A e alcuni giocatori e dirigenti del Cesena calcio. L’incontro, coordinato da Giampiero Travini, sarà aperto da Giancarlo Domenichini, preside del Liceo Monti. Verranno poi illustrati i dettagli sulla realizzazione del progetto “Il Calciastorie” a Cesena dai coordinatori locali Davide Fabbri e Enrico Rossi con i quali igli studenti si confronteranno sul proseguimento del progetto e sulle altre iniziative da realizzare. Ulteriori spunti saranno offerti dall’intervento di Matteo Marani, direttore del Guerin Sportivo, che interverrà su “Come si costruisce una storia”. Presente anche una rappresentanza dell’A. C. Cesena, con il preparatore dei portieri Francesco Antonioli, il manager ed ex arbitro internazionale Fiorenzo Treossi, il capitano della Primavera Yabrè, e un giocatore della prima squadra.

A conclusione dei lavori interverrà l’Assessore allo Sport del Comune di Cesena Christian Castorri. “Obiettivo de “Il Calciastorie” è trasmettere memoria e storia, valori sociali e passione per lo sport – dice Vincenzo Manco, presidente nazionale Uisp - Grazie ad un gioco popolare come il calcio e al fianco della Lega di serie A e degli altri partner, riusciremo a dialogare con i ragazzi nelle scuole, che sono le principali agenzie formative insieme a università, famiglia e sport”. “Il Calcia Storie” storie di integrazione dal profondo del calcio, coinvolge 15 città italiane, sede di club di serie A. Il progetto è promosso da Lega calcio Serie A e Uisp – Unione Italiana Sport Per tutti, in collaborazione con l’Aic - Associazione Italiana Calciatori, Sky, Telecom e Panini, e il patrocinio del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali,

“Il CalciaStorie” nasce da un’idea di Lega calcio Serie A per utilizzare al meglio i fondi derivanti dalle multe comminate alle squadre per gli insulti razzisti, al fine di promuovere un’educazione sportiva interculturale.  Il progetto si pone l’obiettivo di contribuire a ridurre comportamenti razzisti e xenofobi nel mondo del calcio, grazie anche alla collaborazione dei club di serie A, che impegneranno i propri “testimonial”, calciatori della prima o della Primavera, o comunque figure societarie attive nel mondo del sociale. A Cesena il progetto è stato accolto con entusiasmo dai ragazzi, sono coinvolte ben 20 classi con ragazzi di età compresa tra i 14 e i 16 anni. Dopo la presentazione di martedi i ragazzi saranno protagonisti di un percorso di sensibilizzazione sul tema del razzismo, passando dagli spunti offerti da storie e scenari vissuti negli anni nel mondo dello sport, da sempre specchio fedele della società in cui viviamo. Attraverso giochi, attività e tecniche innovative come il “role-play” i ragazzi saranno portati a scoprire e a farsi portavoce del   valore dell'integrazione e della multiculturalità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento