Imolese-Cesena 1-4, Viali gongola: "Una vittoria che ci dà sicurezza"

“Per noi questo era un esame per capire cosa essere domani: eravamo davanti ad un bivio e abbiamo imboccato la strada giusta"

Dopo due pareggi, mister Viali può godersi la prima vittoria sulla panchina del Cesena, arrivata anche con un largo scarto. “Gli episodi determinano spesso le partite - è il suo esordio in conferenza stampa a termine del match - e da questo punto di vista siamo stati bravi, ma avevamo preparato il match in una certa maniera, tenendo volutamente alto Caturano al fine di rubare palla e verticalizzare subito su di lui. Nei primi quindici minuti però la pressione non ci riusciva, abbiamo perso tanti duelli e spesso arrivavamo secondi. Poi abbiamo preso le misure, riequilibrato la gara e, una volta trovato il vantaggio, è diventato tutto più facile”. Il tecnico bianconero sottolinea l’importanza della vittoria ma evidenzia anche che qualcosa non gli è andato giù: “Per noi questo era un esame per capire cosa essere domani: eravamo davanti ad un bivio e abbiamo imboccato la strada giusta. La vittoria dà sicurezza ed è giusto godersi questo risultato ma non mi è piaciuto l’ultimo quarto d’ora in cui non dovevamo prendere gol”.

La cronaca della partita

Il suo Cesena invece per una volta è stato concreto davanti, come aveva chiesto: “Questo ci deve dare convinzione ma da certe situazioni ci devi prima passare. Così come nelle due precedenti gare siamo stati bravi a recuperare lo svantaggio: se dovesse ricapitarci, sapremo di aver già vissuto una negatività del genere e di averla superata”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Viali spiega così i cambi nel finale e la scelta iniziale di Zerbin: “Avendo Ricci in diffida gli ho risparmiato gli ultimi minuti, Zampano si portava dietro un problema fisico e non volevo rischiare mentre Lo Faso si era allenato poco in settimana ma ho bisogno di accelerare il suo inserimento e lui deve sfruttare questo tempo. Quanto a Zerbin, ho detto sin dal mio arrivo che il vivere quotidiano mi avrebbe aiutato a scegliere: lui domenica col Padova è stato determinante in pochi minuti e durante la settimana l’ho visto determinato, pertanto è stato facile scegliere. Chi determina, gioca ”. Le ultime parole sono per capitan De Feudis: “Ha fatto una gara straordinaria: la vittoria è dedicata a lui e alla nostra gente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenda nel parcheggio del Bufalini, Cesena tra le prime città a sperimentare i tamponi "drive-through"

  • Cesena, Gambettola e Mercato Saraceno: un bollettino nero con altri decessi

  • San Cristoforo piange l'ultima vittima del Coronavirus: "Era socievole e attivo nel volontariato"

  • Cresce il 'focolaio' nella casa di riposo, 15 contagiati. "Guarito un agente della Polizia Locale"

  • Coronavirus, frenata nei contagi nel Cesenate: "solo" 14 in più. Ma c'è un altro decesso

  • Una 'maschera' che agevola la comunicazione tra sanitari e pazienti: l'intuizione dell'azienda

Torna su
CesenaToday è in caricamento