menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Grega Smole vince ai punti il titolo intercontinentale professionisti di K1

L’incontro forse più bello e combattuto della serata vedeva scontrarsi l’imolese Nicola Bordian e il sammarinese Roberto Gheorghita che si è aggiudicato la vittoria

Non ce l’ha fatta l’atleta di casa, il savignanese Francesco Palermo. Il match più importante del Knock Out Action 10, il Gran Galà di sport da combattimento che si è tenuto sabato al Seven Sporting Club di Savignano sul Rubicone, ha visto vincitore del Titolo Intercontinentale professionisti di K1 categoria 75kg sigla Wtka lo sloveno Grega Smole. Partito molto concentrato non ha sbagliato nulla, bloccando tutte le iniziative pericolose del savignanese, ne è venuto fuori un match molto spigoloso ed equilibrato che ha premiato il campione sloveno. “Non sono mai entrato nel match e non ho mai picchiato, onore al mio avversario che non ha mai fatto un passo indietro” ha commentato a caldo Palermo dopo essersi congratulato con l’avversario.

In una serata ricca d’emozioni, organizzata dalla Pro-Figting Bellaria/Seven del maestro Brigliadori in collaborazione con Around Sport, la disputa del Titolo italiano professionisti K1 categoria 75 kg sigla Wtka ha visto trionfare Michele Leonzio della Pro-Fighting Pesaro che, disputando un match sempre in crescita rispetto al suo avversario della pro-Fighting Imola Gabriele Galasso, si è aggiudicato la meritata cintura. Gli atleti italiani sono risultati vincitori della sfida internazionale Italia vs Cipro dove un’agguerrita Luana Lorenzoni (Pro-Fighting Rimini) ha inaugurato la competizione vincendo ai punti contro la cipriota Despoina Panagiotata. A seguire l’atleta bolognese Maldin Hamzai ha vinto per abbandono alla prima ripresa in un match disputato con le regole della Muay Thai contro il cipriota Nikos Parathyrakis.

Terzo match di questa sfida ha visto protagonista l’atleta di casa della Pro-Fighting Bellaria/Seven Nicola Severi opposto a Ioannis Sotitiou. Dopo un primo round di studio, si è scatenato al secondo vincendo per KOT. Quarto ed ultimo match della sfida ha visto contrapposti due top fighter di livello internazionale, il riccionese Giuseppe Dedomenico e il cipriota Kostas Zenonos. Una prima ripresa equilibrata e spettacolare finita con un calcio alto di Dedomenico che si è andata a stampare sulla mandibola del cipriota ponendo fine al match per intervento medico. Tra gli altri match, due in particolare sono risultati altamente spettacolari. Dario Leva della Pro-Fighting Bellaria/Seven all’esordio nei professionisti si è dimostrato atleta di valore venendo sconfitto di misura ai punti da un top fighter più esperto e già campione europeo di K1, Amed West di Mantova. Mentre l’incontro forse più bello e combattuto della serata vedeva scontrarsi l’imolese Nicola Bordian e il sammarinese Roberto Gheorghita che si è aggiudicato la vittoria. La serata è stata ripresa dalle telecamere di Rai Sport.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento