menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gli Europei Under 21 del 2019 assegnati all'Italia: si giocherà anche a Cesena

Commenta il Sindaco Paolo Lucchi: "Noi cesenati non possiamo che esserne lieti: in questi anni la nostra città ha spesso ospitato eventi organizzati dalla Federazione calcio"

Riunita a Nyon, l’Uefa ha assegnato all’Italia l’organizzazione degli Europei di calcio under 21, che si svolgeranno nel giugno del 2019 negli stadi di San Marino, Bologna, Reggio Emilia, Udine e Cesena. Dopo la rinuncia “volontaria” all’organizzazione delle Olimpiadi 2024 a Roma, il nostro Paese tornerà quindi ad ospitare un grande evento sportivo.

Commentano il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore allo sport e turismo Christian Castorri: "Noi cesenati non possiamo che esserne lieti: in questi anni la nostra città ha spesso ospitato eventi organizzati dalla Federazione calcio: le prime due edizioni di KickOff (il think tank ideato dalla Figc per lo studio dell'evoluzione e crescita del sistema del calcio); la partita della nazionale maggiore maschile Italia-Svezia (il 18 novembre 2009), di quella femminile Italia-Svizzera (24 ottobre 2015), le finali nazionali dei campionati giovanili la scorsa estate, inserendosi a pieno titolo in un network nazionale in grado di valorizzare, in termini di immagine, il nostro territorio.  Ringraziamo quindi il Presidente della Figc Carlo Tavecchio ed il Direttore Generale Michele Uva per la considerazione che dedicano sempre a Cesena ed ai cesenati che, in questo caso, ci permetterà di collaborare da protagonisti alla realizzazione di un grande evento sportivo in grado di attirare nel nostro territorio migliaia di turisti provenienti da altri Paesi europei".

Nei mesi scorsi la candidatura era stata messa in forse dalla scelta della Nazionale di calcio di appoggiarsi come sponsor ad un gruppo di scommesse sportive, una scelta contestata perché mette assieme gioco d'azzardo e valori sportivi. Sul tema torna il sindaco: "Ma a cuore ci stanno anche i valori positivi che lo sport giovanile (e l’Under 21 ne è la punta di diamante) deve necessariamente esprimere. Per questo siamo lieti che il percorso di collaborazione tecnico/sportiva con la Figc sia stato affiancato dalla decisione, assunta di comune accordo, di sottoscrivere prossimamente a Cesena un “Patto” contro il gioco d’azzardo, utile alla realizzazione di progetti rivolti ai giovani per il contrasto alla ludopatia ed alla dipendenza dal gioco. E ci auguriamo che proprio dalla nostra Romagna possa partire un rafforzamento indispensabile di quella cultura di lotta alla ludopatia che a Cesena gode di una ampia condivisione, come dimostrato da un impegno diretto da parte di tanti (Associazioni, forze sociali e politiche, Quartieri, cittadini, il Vescovo di Cesena, Monsignor Regattieri), destinato a non diminuire".

"Quanto alla capacità di accogliere al meglio gli Europei, nei prossimi mesi saremo impegnati su due fronti; da un lato dovremo farci trovare pronti ad ospitare tifosi e visitatori giunti da tutt’Europa. Per questo dovremo lavorare alla costruzione di pacchetti turistici utili a far prendere in considerazione la visita non solo sportiva ad una città straordinaria come la nostra, che è in grado di offrire bellezze storiche ed architettoniche (a partire dalla Biblioteca Malatestiana) che stanno diventando sempre di più un magnete attrattivo per tanti. Dall’altro dovremo preoccuparci che il nostro “Orogel stadium-Dino Manuzzi” sia all’altezza delle richieste tecniche forniteci da Figc ed Uefa. Ma l’impegno sottoscritto con il Cesena calcio – che a breve, assieme a noi, sarà coinvolto dalla Figc per mettere a punto il piano di lavoro comune – ci consentirà di adeguare per tempo il nostro stadio, nell’ambito di un carico economico compatibile".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Piccoli ma sorprendenti: i musei più curiosi dell'Emilia Romagna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento