Sport

La 12esima tappa del Giro d'Italia fa bella Bagno di Romagna, sotto gli occhi di Bonaccini

Molti i presenti per il grande evento e non solo bagnesi, ma anche provenienti da tutta la Romagna e dalla vicina Toscana, oltre al sindaco Baccini e al presidente della Regione Bonaccini

Il 20 maggio 2021 entra di diritto tra le più prestigiose date di Bagno di Romagna. Nel pomeriggio di giovedì infatti la città appenninica ha accolto l’arrivo dei ciclisti del Giro d’Italia, non male per un Comune che conta poco più di 5mila anime. E per l’occasione, Bagno non si è fatta trovare impreparata, anzi, le sue decorazioni si sono assolutamente dimostrate all’altezza dell’evento. Circa 500 i tifosi e appassionati che hanno atteso i ciclisti all'arrivo.

Vince Andrea Vendrame

Lo scatto finale dei ciclisti della Carovana Rosa, corrispondente ai 3 km di pista ciclopedonale che collega San Piero in Bagno a Bagno di Romagna, ha visto fissarsi ai lati le prime 104 pagine della Gazzetta dello Sport dedicate ai vincitori del Giro d’Italia, dal lontano 1909 fino a oggi. Passeggiando per il centro storico sono spiccati i cappelli rossi a punta indossati dai passanti, i Cappelli degli Gnomi, gadget in onore del Sentiero degli Gnomi e del Regno della Fantasia, due simboli del territorio d’arrivo della 12ma tappa della massima competizione ciclistica. Uno gnomo di 3,5 metri è stato inoltre posizionato alla rotonda d’ingresso della E45, spilungone e di espressione sorridente. E proprio i folletti sono stati protagonisti di una breve sfilata d’animazione nell’area dove, intorno alle 15, sono arrivati i ciclisti dell’E-Tappa (atleti non professionisti in e-bike), insieme ad alcuni figuranti della rievocazione storica denominata “I Giorni del Capitano”, che si svolge con continuità a Bagno da oltre 20 anni.

La voce dei tifosi

Molti i volti noti presenti per il grande evento e non solo bagnesi, ma anche provenienti da tutta la Romagna e dalla vicina Toscana, oltre al presidente della Regione Stefano Bonaccini e al sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini.

"Una grande festa popolare"

Non finisce qui: sul prato alle porte di Bagno di Romagna, un gruppo di cittadini ha creato un immenso Stivale per salutare tutti gli italiani in occasione del 160° anniversario dell’Unità d’Italia. Un grande “Trofeo senza fine” del Giro d’Italia alto ben 5 metri, mentre la rotonda del borgo d’ingresso al borgo termale si è abbellita di coreografie floreali che ricalcano il logo del Giro.

Le premiazioni

Il centro di Bagno di Romagna infine, ha mostrato le sue vie i suoi palazzi avvolti da un tetto di ombrelli rosa e bianchi, per qualificare la spiccata accoglienza del borgo termale. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La 12esima tappa del Giro d'Italia fa bella Bagno di Romagna, sotto gli occhi di Bonaccini

CesenaToday è in caricamento