menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giovani, ma già esperti: il Cesena punta forte su Giulio Favale e Nicola Nanni

Il ds Moreno Zebi ha presentato i nuovi arrivati Giulio Favale e Nicola Nanni, presentati al “Manuzzi” nella mattinata di giovedì

"Due giovani di squadre di categoria superiore, ma entrambi con esperienze importanti in Serie C". Così il ds Moreno Zebi presenta i nuovi arrivati Giulio Favale e Nicola Nanni, presentati al “Manuzzi” nella mattinata di giovedì. Il secondo, originario di San Marino (e nel giro della Nazionale del “Titano”) arriva in prestito dal Crotone, stessa formula per il terzino sinistro di proprietà della Reggiana neopromossa in cadetteria. "Domenica è stata una partita sporca - esordisce Favale - ce lo aspettavamo tutti, siamo riusciti comunque a tenere sempre il possesso palla come voleva il Mister e trovare il gol dopo pochi minuti. Purtroppo ci siamo visti annullare il raddoppio, sul pareggio loro si sono chiusi molto e non siamo riusciti a trovare il gol della vittoria. Siamo molto rammaricati per il risultato perché era una partita da vincere, pensiamo a farlo domenica con la Triestina".

Nonostante le sole 22 candeline spente, il difensore ha già accumulato notevole esperienza tra i professionisti: "Ogni anno ho avuto allenatori che mi hanno dato qualcosa. Chi dal punto di vista caratteriale, tattico, tecnico, sono stati anni molto importanti per me. A Lucca ho praticamente giocato tutte le partite, quell’anno è stato il più importante. La scorsa stagione, giocare un campionato per vincere mi ha cresciuto molto e mi ha fatto capire come funziona in piazze con ambizioni. Uno deve giocare per vincere sempre, con serenità si raggiungono obiettivi importanti".

Sulla partita in casa di domenica contro la Triestina: "Sarà una partita completamente diversa da domenica, il fattore campo ha inciso, siamo una squadra che deve giocare molto a calcio, il campo era molto piccolo, qua in casa potremo dire la nostra sicuramente. Sarà una partita difficile, loro hanno giocatori importanti in ogni ruolo, bisognerà avere massima attenzione, giocare d’intelligenza e avere la maturità di saper aspettare e saper colpire per vincere la partita".

Anche l’attaccante romagnolo parte con un commento sul match d’esordio, che lo ha visto sfiorare la rete dell’1-2: "Ho avuto un’occasione che avrei potuto concretizzare, avrebbe cambiato la partita perché saremmo passati in vantaggio. Ci sono arrivato un attimo impreparato, probabilmente mi ha fregato quello. Loro si chiudevano molto, infatti altre occasioni non ne abbiamo avute".

Si tratta di un ritorno per il classe 2000, già nelle giovanili dell’A.C. Cesena: "Per me Cesena significa tantissimo, è un percorso dentro di me mai finito. Ho sempre seguito il Cavalluccio anche l’anno scorso a Crotone, per me Cesena vale molto più di una Serie C. Sono arrivato qua nel 2016, ho fatto il primo anno di Allievi con Ceccarelli e il secondo con Rivalta in Primavera, sono cresciuto tanto. Peccato per come è andata a finire un anno dopo. Sono passato poi al Crotone, tra Primavera e prima squadra, poi l’anno scorso è stato particolare per gli infortuni, ho avuto una pubalgia un po’ lunga, però è stato un anno importante per conoscere una categoria molto complicata".

Nanni potrà crescere al fianco di due giocatori esperti per la categoria come Caturano e Bortolussi: "Lavorare affianco a loro è prezioso, l’apprendimento è molto più rapido di quello che potrebbe essere lavorando da solo o con ragazzi nuovi per la categoria. Possono insegnarmi tanto. Mi metto a disposizione della squadra, do a Cesena tutto quello che ho. Mi vedo più come una punta, ma sono a disposizione del Mister. Mi sto adattando molto bene al modulo".

Favale-3

Nanni-3

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento