menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ginnastica artistica, la Us Renato Serra riparte dal 2° posto: “Ma a Siena possiamo fare meglio”

“Promesse mantenute”. Il titolo lo fa direttamente Massimo Gallina che, sereno e soddisfatto, commenta così il debutto stagionale della Us Renato Serra nel campionato nazionale di serie B

“Promesse mantenute”. Il titolo lo fa direttamente Massimo Gallina che, sereno e soddisfatto, commenta così il debutto stagionale della Us Renato Serra nel campionato nazionale di serie B: “La ginnastica artistica - dice - ha una sua matematica e dunque, al di là di qualche imprevisto, ad Ancona è andata più o meno come ci aspettavamo. Il secondo posto ci va bene anche perché, obiettivamente, ci sono tutti i presupposti per fare meglio già dalla prossima tappa di Siena a fine marzo”.

Sulla stessa lunghezza d’onda Marina Meldoli: “Viste le premesse - aggiunge - poteva andare peggio perché l’impiego parziale di Elisa Agosti, lo sapevamo già in partenza, ci ha tolto punti importanti, ma la squadra non si è persa d’animo e, sul piano mentale, ha saputo reagire con grande carattere. E mi piace, in particolare, sottolineare la prova della nostra Carolina Carlucci che, dopo il grave infortunio al gomito, ha debuttato in serie B dimostrando, a dispetto dei suoi 12 anni, freddezza, grinta e personalità. Così come siamo stati molto contenti per la prova di Alice Linguerri che tornava a cimentarsi in tutti gli attrezzi dopo quasi tre anni e, a parte la trave, ha dato un contributo prezioso. E infine salutiamo con grande affetto il ritorno di Giada Maraldi che, dopo l’intervento alla gamba, ci ha regalato un brillante esercizio alle parallele”.  

Al debutto, dunque, Cesena si è arresa solo alla Ginnastica Heaven (144.400 contro i 142.350 delle cesenati). Al terzo posto la PGS Auxilium che con 140.350 ha tenuto giù dal podio la Fratellanza Savonese, quarta a quota 139.950: “La promozione in A2 se la giocheranno probabilmente queste quattro squadre - spiega Gallina - anche se a questo poker va aggiunta la Futuregym che, ad Ancona, si è presentata senza Desiree Carofiglio che, come noto, è una delle atlete olimpiche. In ogni caso, noi possiamo fare meglio, soprattutto perché a fine marzo avremo una Elisa Agosti al top della condizione”. 

E proprio il problema al piede di Elisa, come detto, ha condizionato in maniera importante il debutto della Us Renato Serra: “Una settimana fa non riusciva neppure a correre - spiega Gallina - per cui è riuscita a fare le parallele ma, alla trave, ha dovuto semplificare notevolmente il suo esercizio riuscendo, comunque, a portare punti preziosi alla causa”. D’altro canto, Chiara Barzasi non ha tradito le attese facendo una gara bellissima: “E’ stata davvero molto brava - spiega Marina Meldoli - dimostrando tutto il suo valore con un punteggio che, per un’atleta Junior, è davvero eccezionale. Nella trave, in particolare, è stata strepitosa ma anche l’avvitamento al volteggio, portato per la prima volta, è stato un momento tecnico importante. Insomma, come tutti ci aspettavamo, Chiara per la nostra stagione sarà un valore tecnico importante”. 

“Abbiamo iniziato, per primi, al corpo libero - ripercorre la gara Gallina - facendo quattro belle prestazioni, come certificano anche i punteggi. Siamo poi andati al volteggio dove Chiara Barzasi ha presentato, per la prima volta, il suo avvitamento prendendo un punteggio molto alto. Molto buono anche il salto della nostra debuttante, Carolina Carlucci, che aveva già rotto il ghiaccio con un bel corpo libero. Alice Linguerri e Veronica Mauri hanno fatto, come sempre, il loro dovere con due buoni salti e dunque la gara si è subito incanalata nel verso giusto. Alle parallele ho visto quattro esercizi tecnicamente molto validi, compreso quello di Elisa Agosti. E molto brava anche Giada Maraldi che ha ben interpretato le parallele. Alla trave, Chiara Agosti ha fatto un esercizio formidabile ottenendo, per altro, il punteggio più alto di tutta la gara (51.100!), mentre abbiamo avuto qualche problemino con le altre tre anche se, alla fine. tutte hanno dato il massimo”. 

Ancona, però, appartiene già al passato. L’obiettivo adesso è la pedana di Siena a fine marzo, quando si disputerà la seconda prova della serie B: “Ripartiamo da questa secondo posto che abbiamo ottenuto facendo degli errori, in particolare alla trave - conclude Meldoli - e dunque abbiamo tante ragioni per essere ottimisti. Con Elisa impegnata sui quattro attrezzi e qualche sbavatura che proveremo a correggere in queste due settimane, io credo che la squadra a Siena possa puntare a fare ancora meglio”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Mare e terra in un piatto gustoso: la seppia coi piselli

Ristrutturare

Muri portanti: cosa c'è da sapere prima di modificarli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento