menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Superbike a Misano, grande delusione per Savadori: ko dopo due curve

Il portacolori dell'Aprilia è così rientrato ai box con tutta la sua delusione nascosta sotto al casco, applaudito dai tifosi

E' durata appena due curve Gara 1 di Lorenzo Savadori a Misano. Il cesenate, che scattava dalla quinta piazza, è finito a terra dopo un contatto con la Ducati di Xavi Fores. Il portacolori dell'Aprilia è così rientrato ai box con tutta la sua delusione nascosta sotto al casco, applaudito dai tifosi. “La mia gara è finita troppo presto - ha esclamato Savadori -. A mio avviso Fores ha fatto un sorpasso impossibile e lo dimostrano i fatti, visto che ha dovuto raddrizzare mentre mi centrava, mentre altri due piloti, Davies e Camier, sono dovuti andare larghi per evitarlo".

"Purtroppo è andata così, ma a me è sembrato tutto molto eccessivo, fortunatamente non mi sono fatto niente visto che sono caduto in mezzo al gruppo - ha aggiunto il cesenate -. Peccato perché sicuramente avremmo potuto fare una bella gara, anche considerando i tempi dei primi cinque. Con i se e con i ma si fa fatica a ragionare ma potevamo divertirci, purtroppo è finita così. Speriamo domenica il tempo regga perché mi piacerebbe finire il lavoro iniziato sull’asciutto”.

DUELLO KAWASAKI - La vittoria è andata Jonathan Rea con appena 90 millesimi sul compagno di squadra Tom Sykes. Tutto si è deciso al semaforo verde, con il nordirlandese che con un ottimo scatto ha scavalcato Sykes che partiva dalla Superpole. Il campione del mondo in carica poi ha difeso a denti stretti per tutti i 21 giri la leadership fin sotto la bandiera a scacchi. A completare il podio a sorpresa la Honda di Michael Van Der Mark. "Era importante vincere - ha esordito Rea -. Ho mantenuto la calma, imponendo un ritmo elevato. Nel finale ho faticato con la gomma e vedremo di capire cosa non ha funzionato per evitare di avere lo stesso problema in Gara 2". "Ci ho provato a sorpassarlo, ma non ci sono riuscito - ha confessato Sykes -. Cercheremo di rifarci domenica, per questo lavorerò un set-up della moto".

DISASTRO DUCATI - Sabato da dimenticare per la Ducati: dopo una disastrosa Superpole, sia Davide Giugliano che Davies hanno macchiato Gara 1 con due errori. Il romano è scivolato mentre si trovava in terza posizione, risalendo dopo esser riuscito a ripartire fino alla 14esima piazza. Davies è invece rimasto coinvolto nell'incidente che ha visto l'uscita di scena dell'Aprilia di Savadori: mentre il cesenate ha dovuto abbandonare subito la corsa, il gallese è rimasto in piedi, precipitando in quart'ultima posizione. Da lì in poi il portacolori della rossa si è reso protagonista di una furiosa rimonta, che l'ha portato in quarta posizione.

HONDA SUL PODIO - Sul gradino più basso del podio è finito un po' a sorpresa la Honda dell'olandase Van Der Mark. Quinta e sesta posizione per le Bmw di Jordi Torres e Markus Reiterberger. Ottimo il rientro di Niccolò Canapa in Superbike, che ha portato la Yamaha al settimo posto, facendo meglio del più blasonato compagno di squadra Alex Lowes, solo 13esimo dopo aver macchiato la sua prestazione con una scivolata. Ritirati invece Nicky Hayden e Fores, il primo per caduta e il secondo per un problema alla sua Ducati Panigale R. Alex De Angelis archivia la manche del sabato con un discreto 12esimo posto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Benessere

Come rassodare il seno a casa: ecco gli esercizi push up

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento