La vendetta del Cesena, i bianconeri soffrono ma piegano la Savignanese

Vittoria sofferta ma fondamentale per il Cavalluccio che vendica la sconfitta in Coppa dello scorso settembre. La caccia al Matelica continua

L'esultanza di Danilo Alessandro dopo il gol vittoria

Il Cesena soffre ma batte tra le mura amiche la Savignanese in un match equilibrato deciso da un gol di Danilo Alessandro al 35' del primo tempo. Una vittoria sofferta ma fondamentale per continuare a dare la caccia al Matelica. 

Un derby alla dodicesima giornata in cui il Cesena si presenta ancora senza Ricciardo, Zamagni, Biondini e Zammarchi, tutti out per infortunio. Angelini tiene a riposo Casadei e punta in attacco sul tandem Capellini-Alessandro con Tortori ad agire sulla trequarti. La Savignanese, allenata dall'esperto Oscar Farneti, staziona al settimo posto nella classifica del gruppo F di serie D con 18 punti.  A inizio settembre, nell'esordio ufficiale del nuovo Cesena la Savignanese sconfisse a sorpresa i bianconeri con un secco 2-0 sul neutro di Cesenatico con reti di Giacobbi e Vandi. Presente all'Orogel Stadium Manuzzi anche Blanca Rubio Landart, la 23enne tifosa spagnola, inquadrata al Santiago Bernabeu durante Real Madrid-Roma, con la maglia del Cavalluccio.

 La cronaca

Davanti al solito grande pubblico, all'Orogel Stadium Manuzzi presenti oltre 10mila spettatori, il Cesena mantiene il pallino del gioco ma non riesce a creare pericoli alla Savignanese. Al 19' punizione dal limite guadagnata da Alessandro, tira lo stesso numero 10 ma il pallone finisce alto sulla traversa. Al 23' la Savignanese va a un passo dal vantaggio: un vero e proprio miracolo di Agliardi salva il Cesena sulla conclusione ravvicinata di Longobardi. Grandissimo periodo di forma per l'esperto portiere bianconero. Il Cesena fatica a costruire palle gol fino al 35' quando con un po' di fortuna sblocca la gara. Tortori conclude da destra, il portiere ospite respinge, Capellini la tocca di testa e Danilo Alessandro sfrutta la carambola in area e sospinge il pallone in rete. Il Cavalluccio  soffre ma chiude il primo tempo in vantaggio.

La ripresa si apre con una clamorosa occasione per il Cesena. Capellini lanciato in profondità aggira bene il portiere ma mette clamorosamente fuori a porta vuota. Al 18' del secondo tempo Beppe Angelini getta nella mischia Casadei, reduce dalla ottima prestazione di Isernia. Al 29' ancora una grande opportunità per i bianconeri Valeri se ne va sulla fascia sinistra, entra in area ma il suo tiro è respinto da Pazzini. Cesena pericolosissimo in contropiede. Sul corner seguente si scatena una rissa in area di rigore, a farne le spese è Tortori che viene espulso. Con l'uomo in meno il Cesena abbassa il baricentro, ma la Savignanese non riesce a creare occasioni nitide. L'arbitro assegna cinque minuti di recupero, a tempo quasi scaduto brivido per i tifosi di casa, Longobardi a pochi passi dal portiere spara in curva. E' l'ultima emozione di una partita molto equilibrata portata a casa dal Cavalluccio senza entusiasmare. Al fischio finale la Curva Mare può finalmente esultare. Il Cesena sale a 28 punti in classifica, a due lunghezze dal Matelica capolista

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

Torna su
CesenaToday è in caricamento