Dopo Frosinone e Parma il Cesena blocca anche la capolista: buon 1-1 col Palermo

I favori del pronostico erano ovviamente dalla parte della capolista, ma i bianconeri, rinvigoriti dalla cura dell'allenatore marchigiano, hanno nuovamente confermato di essersi lasciati alle spalle il momento difficile di inizio campionato.

L'esultanza al gol (foto Frasca)

L'ultimo turno pre-natalizio di serie B ha messo faccia a faccia due formazioni tra le più in forma del momento. Cesena-Palermo non ha deluso le aspettative, offrendo un match divertente, giocato su ritmi alti, specie nel primo tempo. E sotto i riflettori del "Manuzzi" è uscito un 1-1 che accontenta le compagini di mister Fabrizio Castori e Bruno Tedino. I favori del pronostico erano ovviamente dalla parte della capolista, ma i bianconeri, rinvigoriti dalla cura dell'allenatore marchigiano, hanno nuovamente confermato di essersi lasciati alle spalle il momento difficile di inizio campionato. Benchè incappato in una serata negativa in zona gol, il Palermo si consola con la testa della classifica a quota 36 punti, mentre il Cesena, con il quinto risultato utile consecutivo, sale a quota 23. Decisamente un dolce Natale per i romagnoli dopo un inizio di stagione sofferente.

Primo tempo

Mossa a sorpresa di mister Castori, che si è affida ad un 4-3-1-2, con Laribi alle spalle di Cacia e Jallow. I rosanero difendono la leadership in classifica affidandosi alla coppia d'attacco composta da La Gumina e Trajkovski in avanti. Il Palermo gela subito un ghiacciato "Manuzzi": i rosanero impiegano appena 9 minuti per sbloccare il risultato con Trajkovski, che fredda di prima intenzione Fulignati su cross basso dalla sinistra di Aleesami. L'attaccante macedone, al terzo gol in campionato, ci prende gusto e cerca il raddoppio al 13' con un tiro da fuori area che l'estremo difensore bianconero respinge. Al 16' ancora un tiro dalla distanza, questa volta con Coronado, che non inquadra di poco lo specchio della porta.

Col Palermo a comandare il gioco, il Cesena fatica a imporsi. La prima azione significa arriva al minuto 30 con un'iniziativa velleitaria di Jallow. I padroni di casa soffrono e devono ringraziare Fulignati al 31', miracoloso prima a negare la rete a La Gumina e poi ad Aleesami. Ma il Cesena è "Castorizzato" e al 34' è il solito Jallow a far esplodere la gioia del "Manuzzi", trovando l'1-1 sugli sviluppi di un calcio d'angolo, infilando la sfera sotto la traversa con un preciso esterno destro. Per il centravanti giunto dal Chievo in prestito è il nono gol stagionale. Al 38' l'arbitro Juan Luca Sacchi annulla un gol al Palermo per posizione di fuorigioco di Gnahorè, che aveva ribattuto in rete una respinta di Fulignati su tiro di Trajkovksi.

Secondo tempo

Decisamente più tattico l'inizio di secondo tempo, spezzettato anche da molti falli. Sono comunque del Palermo le incursioni offensive più significative, prima con un tiro velleitario di Gnahorè e poi con una conclusione da fuori area di Coronado ben bloccata da Fulignati. Al 62' ci prova Trajkovski con un destro potente di poco sopra la traversa. Il Cesena si affida invece alla velocità di Jallow, ma senza intimorire la retroguardia sicula. Al 64' ancora un tiro in porta del Palermo, con Jajalo, ma il suo sinistro da fuori non mette paura a Fulignati. Al 66' termina la deludente partita di Cacia, lasciando il posto a Dal Monte. Castori riporta Laribi in posizione più avanzata, schierando di fatto un 4-4-2. Al 77' tegola per i bianconeri, con Jallow costretto ad abbandonare il campo per un fastidio muscolare, venendo sostituito da Moncini. Anche il Palermo poco prima aveva cambiato volto, con Murawski al posto di Coronado. Si accendono gli animi nel finale, ma non succede più nulla. Dopo Frosinone e Parma, il Cesena blocca un'altra grande del campionato Cadetto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento