Domenica, 14 Luglio 2024
Sport

La curva torna accanto ai bianconeri per sconfiggere il "diavolo"

Manca pochissimo all'atteso match di domenica che vedrà di fronte la prima della classe contro il fanalino di coda. Un testacoda davvero interessante per verificare se il Cesena avrà cancellato il black out contro la Lazio

Manca pochissimo all’atteso match di domenica che vedrà di fronte la prima della classe contro il fanalino di coda. Un testacoda davvero interessante per verificare se il Cesena avrà cancellato dalla memoria, il black out contro la Lazio. Il manto erboso del Manuzzi è tornato alla normalità e, anche gli spalti sono stati ripuliti dalla neve, tutto è pronto. Un’ altra notizia importante è l’abbraccio degli ultra, per la maglia bianconera. Venerdì, il sito delle Wsb ha comunicato che tornerà a cantare ed incitare la propria squadra, dopo una pausa lunghissima sentita in negativo da tutti.

Anche il presidente aveva sentito la mancanza dello storico tifo, pedina fondamentale per il cammino così delicato per i propri uomini. Lo stadio sarà stracolmo e il 12mo uomo è pronto a scendere in campo per tentare l’impresa, già avvenuta lo scorso anno con una partita perfetta.
I dubbi dell’ultimo minuto per mister Arrigoni, riguardano la difesa; ancora non è stato sciolto il nodo di schierare una difesa a tre o, per una maggiore copertura allinearsi a quattro.

Una cosa è certa, sembra scontato l’utilizzo della mina vagante, Benaluane che, a seconda delle ultime indiscrezioni, sembra favorito per una maglia da titolare al posto di Rodriguez. Ad accendere gli animi del popolo bianconero, ci ha pensato Iaquinta che, nella conferenza stampa di presentazione è sembrato ottimista per la salvezza.

“Il Cesena ha qualità, ma per la salvezza serve cattiveria e determinazione”. Poi aggiunge “Non dobbiamo permetterci di fare errori come contro la Lazio”. L’attacante, già campione del mondo, ha poi sottolineato ancora una volta, l’importanza di Campedelli, per il suo modo di convincerlo ad approdare in Romagna: “ con una telefonata mi ha convinto “.
Il Milan, senza la sua punta di diamante: Zlatan Ibrahimovic e, galvanizzato dal poker inflitto all’Arsena in Champions League, schiera:
Abbiati, Thiago Silva, Nesta, Abate, Antonini, a centrocampo: Nocerino, Ambrosini, Emanuelson e nel tridente d’attaco spazio dal primo minoto per il neo acquisto Maxi Lopez. A supportarlo Robinho e Boateng.

I padroni di casa tentano l’impresa con:
Antonioli tra i pali, difesa a 3 con: Comotto, Benaluane, Rodriguez. Centrocampo a 5 con gli esterni, Pudil e Ceccarelli chiamati a difendere se necessario, raddoppiando la marcatura. Santana, Colucci e Parolo, avranno il compito arduo di fare filtro nel cuore della metà campo. Davanti, Iaquinta e Mutu.

Intanto la giornata di venerdì non porta buone notizie in classifica. Il Bologna, in una serata da incorniciare e da raccontare in futuro, torna a casa con 3 punti d’oro, spazzando via un’inesistente inter con 3 reti.
Siamo quindi davanti all’ennesima partita da non sbagliare, l’avversario non è alla nostra portata, ma il Cesena dovrà spingere il proprio cuore oltre l’ostacolo, sorretto finalmente dal proprio tifo. Il Manuzzi si avvicina al tutto esaurito, gli ingredienti ci sono tutti, ora si deve sconfiggere il diavolo, mai visto così cattivo.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La curva torna accanto ai bianconeri per sconfiggere il "diavolo"
CesenaToday è in caricamento