menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Dalmo

Foto Dalmo

Un super Alessandro trascina il Cavalluccio, il Cesena si sbarazza anche della Jesina

Un Cesena cinico piega 2-0 la Jesina con una doppietta di Danilo Alessandro e continua la sua corsa inarrestabile

Un colpo di biliardo nel primo tempo su punizione, e un gol in contropiede nella ripresa. Due acuti di Alessandro bastano al Cesena per battere una Jesina che esce dal Manuzzi con onore. Non molla il matelica che vince anche in casa del Notaresco e resta a -8. Gli strascichi del derby si fanno ancora sentire, si attende un incontro riappacificatore tra i due sindaci e i due club. Intanto il Cesena torna al Manuzzi per affrontare l'insidiosa Jesina, che staziona a debita distanza dalla zona retrocessione. Angelini schiera il tridente collaudato Tortori-Fortunato-Alessandro alle spalle dell'insostituibile Ricciardo. Prima dell'inizio del match la Mare espone uno striscione: "Ieri, oggi, domani, per sempre Marco Pantani". Un modo per ricordare i 15 anni dalla morte del Pirata. Presenti i familiari del campione, premiati con una targa commemorativa, in sottofondo un lungo applauso e un coro per Marco dalla curva.

VIDEO - IL TRIBUTO DELLA CURVA MARE A MARCO PANTANI

La cronaca

La Jesina è molto ben messa in campo, i primi 20 minuti scorrono praticamente senza occasionio da rete per il Cesena, che sembra studiare l'avversario. Al 23' calcio d'angolo pennellato di Danilo Alessandro, tiro al volo di Benassi, la palla si stampa sulla traversa. E' la prima emozione di Cesena-Jesina. Al 26' punizione da posizione molto interessante per i bainconeri, sulla palla va Alessandro che infila il portiere della Jesina con un colpo da biliardo. Il tiro è rasoterra e si infila proprio all'angolino, nulla da fare per Anconetani. Un altro acuto per l'attaccante romano che va ad abbracciare mister Angelini. Al 35' si fa vedere la Jesina, tiro potente di Ricci ma Agliardi blocca sicuro. Il Cesena dà l'impressione di avre saldamente in mano la partita, la Jesina si fa vedere sporadicamente dalle parti di Agliardi. Si va al riposo con il Cesena in vantaggio, un Cavalluccio molto cinico che ha sfruttato una delle due occasioni create nei primi 45 minuti. Durante l'intervallo, nell'ambito dell'iniziativa "Leggende Bianconere", premiato Adriano Piraccini.

A inizio ripresa Angelini si affida all'esperienza di Davide Biondini per dare sostanza al centrocampo, richiamato in panchina Loris Tortori. Il Cesena controlla senza particolari patemi le sortite offensive dei marchigiani fino al 19' quando gli ospiti vanno vicini al pareggio con un colpo di testa ravvicinato Cruz. Agliardi, è come al solito prodigioso. Lo Jesina staziona nella metà campo bianconera, ma senza creare particolari situazioni pericolose. AL 32' un errore in fase di impostazione dei marchigiani fa involare Alessandro verso Anconetani ma il portiere ospite è tempestivo a uscire quasi fino alla metà campo e a spazzare il pallone. Al 39' Tonelli imbeccato da Alessandro viene fermato da un difensore avversario a pochi passi dal portiere. Al 43' brivido in area bianconera, il colpo di testa di  un giocatore dello Jesina viene deviato provvidenzialmente in corner dalla difesa del Cesena. Al 44' contropiede fulmineo del Cavalluccio, Danilo Alessandro si ritrova a tu per tu con Anconetani e lo fredda con un diagonale preciso che si insacca dopo aver toccato il palo. Il Cesena chiude la partita. Canta la Curva Mare, seguita da tutto lo stadio, un'altra domenica di festa al Manuzzi.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Mare e terra in un piatto gustoso: la seppia coi piselli

Ristrutturare

Muri portanti: cosa c'è da sapere prima di modificarli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento