Sport

Cesena a testa alta, ma vince l'Inter: decide un rigore di Icardi

Alla fine sono solo applausi. Il Cesena incassa la quarta sconfitta di questo campionato ma esce a testa altissima contro un'Inter incapace di dominare il Cavalluccio nonostante abbia giocato in superiorità numerica

Alla fine sono solo applausi. Il Cesena incassa la quarta sconfitta di questo campionato ma esce a testa altissima contro un'Inter incapace di dominare il Cavalluccio nonostante abbia giocato in superiorità numerica per oltre un'ora a causa dell'espulsione di Leali nell'occasione del calcio di rigore che ha deciso il match e realizzato da Icardi. Il Cesena rimane così a sei punti in classifica, a pari merito col Palermo e davanti solo a Chievo e Parma.

PRIMO TEMPO - Nel Cesena Hugo Almeida va in panchina, davanti c'è la coppia Djuric-Marilungo e a centrocampo rientra Cascione, in dubbio fino all'ultimo. Nell'Inter, falcidiata dagli infortuni, torna titolare Campagnaro mentre sulle fasce nel classico 3-5-2 di Mazzarri ci sono Dodò e Obi. La prima frazione di gioco scorre via equilibrata, ma l'episodio che spacca in due il match avviene alla mezz'ora. Invenzione di Hernanes che con un cucchiaio libera Palacio solo davanti a Leali: il portiere bianconero stende l'attaccante. Rigore e cartellino rosso, tra le proteste dei giocatori del Cavalluccio e da Bisoli che contestano la 'chiara occasione da gol'. Dal dischetto Icardi batte Agliardi (entrato al posto di Garritano, già ammonito). Nei 5 minuti successivi il Cesena crea più di quanto fatto nella prima mezzora: prima una volée di Cascione, poi un miracolo di Handanovic su colpo di testa di Djuric fanno avvicinare i bianconeri al pareggio. Dopo un gol annullato a Palacio per fuorigioco, si chiude la prima frazione di gioco sullo 0-1.

SECONDO TEMPO - Nel secondo tempo il Cesena prova a spingere per recuperare il gol di svantaggio, ma in inferiorità numerica è dura per la truppa di Bisoli scalfire la difesa dei nerazzurri. Ci prova però Marilungo da un calcio di punizione di Renzetti: il colpo di testa dell'attaccante è però alto, da buona posizione e libero dalla marcatura di uno svagato Dodò. L'Inter cerca di creare le occasioni per il raddoppio ma escluso un bolide da fuori area di Hernanes fuori di poco, Agliardi resta inoperoso per gran parte della ripresa. L'ingresso di Hugo Almeida per Djuric è la mossa che Bisoli prova per raggiungere un insperato pareggio (poco dopo ci sarà anche il cambio Giorgi-Rodriguez) e proprio da una palla ben giocata dal portoghese arriva l'occasione del pareggio, ma il tiro al volo di Cascione da posizione defilata viene parato da un attento Handanovic. Negli ultimi 10 minuti il Cesena gioca con uno spregiudicato 4-2-3 e ovviamente l'Inter ha le occasioni per il ko ma Agliardi e l'imprecisione dei nerazzurri tengono a galla il Cesena. Sul finale due miracoli di Agliardi salvano lo 0-2 da Icardi e Palacio, ma il match finisce uno a zero per la truppa di Mazzarri. Massimo risultato col minimo sforzo per l'Inter, buona prestazione per i bianconeri. Ma la vittoria manca da sette giornate e la classifica continua a piangere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cesena a testa alta, ma vince l'Inter: decide un rigore di Icardi

CesenaToday è in caricamento