Venerdì, 19 Luglio 2024
Sport

Presentati Leali e Magnusson. L'islandese: "Il mio idolo è Totti"

Nicola Leali e Hordur Magnusson sono due nuovi giocatori con la maglia bianconera. Mentre continuano le manovre sul mercato calcistico si delinea ormai la nuova squadra per la serie A. Tassello mancante sembra essere Babacar

Nicola Leali e Hordur Magnusson sono due nuovi giocatori con la maglia bianconera. Mentre continuano le manovre sul mercato calcistico si delinea ormai la nuova squadra per la serie A. Tassello mancante sembra essere Babacar della Fiorentina, molto corteggiato in terra romagnola. Nel pomeriggio di lunedì presso il ritiro di Acquapartita il vice presidente Mauro Urbini ha presentato i due nuovi acquisti.

Spiega Urbini, nella dichiarazione sul sito del CesenaCalcio: “I nuovi acquisti andranno a rafforzare la squadra in vista del campionato di Serie A. Arrivano da una squadra titolata come la Juventus, andiamo fieri di questa collaborazione. La Juventus ha fiducia nel nostro ambiente per la crescita professionale e umana dei suoi giovani. Leali ha il Cesena nel destino, infatti ha esordito al Manuzzi e si parla un gran bene di lui. Magnusson, arrivato da poco, è stato fin dall’inizio uno dei nostri obiettivi. Saranno delle pedine importanti per la nostra difesa”.

Nicola Leali ha parlato subito del suo esordio in Serie A: “Ricordo bene il 15 maggio del 2011, è stata una giornata indimenticabile. Ho esordito contro il Cesena e in porta giocava Antonioli che oggi mi allena, una coincidenza particolare. Cesena potrebbe essere la mia grande occasione ma l’unica ricetta per fare bene è il lavoro. Ho iniziato a fare il portiere perché da piccolo ho comprato un paio di scarpe da calcio abbinate ai guanti e, in assenza di portieri, ho cominciato ad usarli. Il mio punto di forza è la comunicazione con la difesa, devo migliorare nelle uscite alte".

Hordur Magnusson ha parlato del suo arrivo in Italia: “Il mio procuratore mi ha segnalato giovanissimo alla Juve dopo una gara con la rappresentativa giovanile dell’Islanda. Sono nato centrocampista, in Italia sono diventato centrale difensivo e terzino sinistro all’occorrenza. Da Mister Bisoli posso imparare molto, non molla mai. Qui ho trovato un gruppo fantastico che mi ha accolto porgendomi la mano. Esordirò in serie A dopo Hallfredsson e Bjarnason che sono islandesi come me. Il mio idolo fin da bambino è Francesco Totti. In nazionale ho tirato un rigore con il cucchiaio prendendo spunto da lui. In serie A ci sono tanti attaccanti forti e bisognerà fare molta attenzione. Alla Juventus ho imparato tanto, soprattutto a tirare i calci piazzati col mancino”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presentati Leali e Magnusson. L'islandese: "Il mio idolo è Totti"
CesenaToday è in caricamento