IL PUNTO | Calcio: Graffiedi già re, Campedelli già fuori!

Dieci sono i gol subiti nelle prime tre partite di campionato. Tre cartellini rossi messi in saccoccia e solo due gol segnati. Questo è il terribile bollettino di marcia marchiato Campedelli&co

Dieci sono  i gol subiti nelle prime tre partite di campionato. Tre cartellini rossi messi in saccoccia e solo due gol segnati. Questo è il terribile bollettino di marcia marchiato Campedelli&co. Quello di ieri è stato un mix perfetto dell’incertezza che si respira in casa bianconera. Bamonte e Rossi più che terzini di serie b, sembrano dilettanti allo sbaraglio e Brandao regala un’altra triste performance, Mehmeti lo ringrazia. A centrocampo poi, la confusione dilaga. Giusto dare l’opportunità a Parfait, ma Tabanelli come trequartista e poi, come playmaker non ne indovina una, Turchetta in panchina si mangia le mani.

L’unico a salvarsi la faccia e raccogliere gli applausi di una curva bella come non mai, è Graffiedi. Il corsaro di Cesenatico, lotta come un giovincello e trova il gol in acrobazia. Un esempio per tutti. Non è una scusante, ma anche l’arbitro Velotto di Grosseto, prova in tutti i modi a non far sì, che la partita si riapra. Lascia troppo correre quando i padroni di casa offendono e Graffiedi ne prende in continuazione, forse anche per lui, una Domenica di stop, non farebbe male.

Al termine della partita, un Gessa molto rattristato spiega: “Sono qui per chiedere scusa ai tifosi, sia per il mio errore sul primo gol e sia per la prestazione che io e la squadra abbiamo fatto. Vorrei tanto rigiocare questa partita anche domani mattina perché questo è un gruppo forte e unito e stiamo dando il massimo, ma le cose non vanno come vorremmo”. Poi aggiunge: “ Il Cesena sono sicuro che se la giocherà con tutte e abbiamo voglia di girare subito pagina perché vedo negli occhi del mister e dei miei compagni, la voglia di vincere”.
Le parole invece di mister Campedelli, preferisco non elencarle. E’ la solita minestra riscaldata: “Dobbiamo fare di più, sono amareggiato, durante la settimana lavoriamo tanto e sono qui per dare il massimo…" ecc..ecc… Il solito monologo, sentito e risentito, da troppo tempo ormai. Una cosa almeno adesso è chiara: il suo futuro è in bilico!

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo la partita, una dura contestazione si è verificata fuori dallo stadio dove il vicepresidente Mancini è stato bersagliato con un bicchiere pare di birra da un tifoso a cui si aggiungono numerose le offese alla famiglia Campedelli. Fuori dal Manuzzi il presidente ha dichiarato che in giornata (lunedì) si incontreranno per decidere le sorti dell’allenatore e si dice dispiaciuto per l’ennesima figuraccia rimediata.
 
E’ difficile trovare le parole dopo un 4 a 1 in casa, contro una squadra al nostro livello. Ci sono scusanti? No. Le assenze pesanti di Succi e Lapadula, sicuramente hanno un peso specifico importante, ma la difesa è un colabrodo e Ravaglia, oltre alle sua incertezze nelle uscite, ha mostrato ieri anche qualche lacuna con i piedi. Iori poi, con quell’entrataccia ci ha messo il suo. Vaga uno stato confusionale totale, intanto Malonga continua a segnare. Anche un certo Castori iniziò un campionato quasi come questo, ma poi come finì?
 
Regalo le ultime righe a tutti quelli che hanno fatto parte al tifo e che, ancora una volta, non hanno abbandonato fino all’ultimo cantando e incitando la squadra, anche nel ricordo del Glauco. E’ difficile a volte, scrivere su un pezzo di carta i gol che si subiscono o le azioni nostre mancate o gli errori commessi, ma quando vi guardo mi viene una gran carica, ma più di scrivere non so come aiutarvi. Grazie Curva Mare!
 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento