Lugaresi e la soluzione italiana da 14 milioni: "Sistemiamo le cose e lascio la presidenza"

"Insomma possibilità di restare in B ci sono, stiamo lavorando come matti e noi, come siamo abituati, non molliamo fino alla fine", afferma Lugaresi

Ore decisive per il Cesena Calcio in una giornata particolarmente faticosa per tutto il consiglio d'amministrazione della società che sta cercando di fare quadra intorno a un'ipotesi di salvezza. Ipotesi che sta diventando, ora dopo ora, sempre più concreta. "A parole è andata bene - spiega il presidente Giorgio Lugaresi - ma ora abbiamo bisogno di riscontri concreti. Se quello che ci è stato garantito a parole dovesse concretizzarsi abbiamo buone possibilità di andare avanti".

Ottimista? "No, non posso definirmi ottimista, perché in una situazione così delicata basta che qualcosa di tutto quello che abbiamo al fuoco non vada a termine e salta tutto". Martedì sono stati per tutta la giornata a Bologna a verificare, trattare, attendere conferme, fare calcoli con commercialisti e cercare di far tornare i conti. La soluzione che si prospetta per far proseguire la prestigiosa storia del Cesena Calcio sembra essere italiana (o almeno Lugaresi dice che, al momento, se dietro ci sono fondi inglesi non lo sa) e si parla di una soluzione da 14 milioni di euro.

"Ho capito che il Cesena Calcio è molto più considerato fuori da Cesena - continua Lugaresi - ci sono imprenditori, assicurazioni, banche interessate a una società che in tre anni è riuscita a portare oltre un milione e mezzo di tifosi allo stadio. Mentre qui, tifosi e amministrazioni sono pronti a buttare via tutto per ricominciare da una serie D, fuori c'è qualcuno che crede in noi, c'è gente interessata. Ovviamente ci hanno sottoposto ai raggi X per capire chi siamo, cosa possiamo dare, la nostra storia, ma a parole si sono impegnati e sono pronti a farlo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continua Lugaresi: "Tra mercoledì e giovedì avrò risposte concrete e penso che venerdì rifaremo il consiglio d'amministrazione. Se qualche piccolo incastro economico non andrà come sperato, farò un ultimo tentativo all'interno del consiglio d'amministrazione chiedendo uno sforzo estremo. Eppoi si vedrà. Insomma possibilità di restare in B ci sono, stiamo lavorando come matti e noi, come siamo abituati, non molliamo fino alla fine".  14 milioni, un'enormità? "O le cose le sistemiamo per sempre o nulla - conclude Lugaresi - E dopo averle sistemate io me ne andrò dal ruolo di presidente. Questo è sicuro. Dopo aver avuto tutti contro, dai tifosi all'amministrazione, con questa città non ho più molto da spartire".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenda nel parcheggio del Bufalini, Cesena tra le prime città a sperimentare i tamponi "drive-through"

  • Cesena, Gambettola e Mercato Saraceno: un bollettino nero con altri decessi

  • San Cristoforo piange l'ultima vittima del Coronavirus: "Era socievole e attivo nel volontariato"

  • Cresce il 'focolaio' nella casa di riposo, 15 contagiati. "Guarito un agente della Polizia Locale"

  • Coronavirus, frenata nei contagi nel Cesenate: "solo" 14 in più. Ma c'è un altro decesso

  • Una 'maschera' che agevola la comunicazione tra sanitari e pazienti: l'intuizione dell'azienda

Torna su
CesenaToday è in caricamento