Cavalluccio, il Cesena spinge per rinnovare l'affitto: l'alternativa è un nuovo marchio

L'inizio della stagione incombe. Il club non parteciperà all'asta del 16 luglio e plaude all'iniziativa del Comune per l'acquisto: "Il simbolo rappresenta un'intera collettività"

Sulla questione Cavalluccio arriva anche la voce ufficiale del Cesena. Il club bianconero, in una nota, conferma di aver cessato, a far data dall’inizio della stagione 2019/20, l’utilizzo del marchio. La decisione ha anticipato la naturale scadenza del comodato d’uso nel rispetto del lavoro del curatore fallimentare, Mauro Morelli, che ha fissato per il 16 luglio la prima asta fallimentare in cui è stato messo all’incanto anche lo storico simbolo del Cesena e di Cesena.

Il Cesena FC, "pur riconoscendo l’alto valore simbolico che il marchio ha nell’immaginario dei suoi appassionati e tifosi, ritiene che  la valorizzazione economica attribuita dal curatore fallimentare al Cavalluccio - 770.000 euro - specie se confrontata con altre realtà calcistiche che in tempi recenti, si pensi a Parma e Modena, sono state attraversate da vicende simili, non consenta di valutare una partecipazione alla suddetta asta".

Allo stesso tempo il club bianconero ritiene che "il simbolo del Cavalluccio rappresenti innanzitutto l’espressione di un’intera collettività e, in questo senso, plaude all’iniziativa avanzata dal Comune di Cesena che, già in tempi non sospetti e non ultimo con la nota di ieri, aveva espresso la disponibilità a farsi carico dell’acquisto del Cavalluccio, al fine di concederne successivamente l’utilizzo alle realtà sportive interessate che dovessero farne richiesta".

Il club bianconero confida che "il curatore fallimentare voglia cogliere la disponibilità manifestata dall’Amministrazione Comunale e proseguire il dialogo costruttivo avviato all’inizio della scorsa stagione, addivenendo così ad una soluzione che metta insieme la legittima tutela dei creditori e l’interesse della collettività di continuare e vedersi rappresentata dal suo storico simbolo. Nell’attesa che questa strada possa essere percorsa, ma per la quale potranno rendersi necessari tempi non coniugabili con le esigenze imposte dall’attività sportiva, il Cesena FC auspica che nel frattempo venga condivisa la soluzione proposta dal Comune di Cesena, quella di un rinnovo del comodato, così da consentire l’utilizzo del Cavalluccio nella stagione appena iniziata".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Diversamente - conclude la nota - il Cesena Fc dovrà, suo malgrado, prendere in considerazione la creazione di un nuovo marchio che inizierà a costruire la propria storia come simbolo della rinascita del calcio a Cesena".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento