rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Calcio Bagno di Romagna

Un campionato vinto col Cesena di Bisoli, 4 anni a San Marino e il traguardo della Laurea: torna alla Sampierana

Giovanni Rossi è ritornato a casa. Lui, nativo di Bagno di Romagna, sarà il pilastro della Sampierana, la squadra in cui ha mosso i primi calci prima di trasferirsi al Cesena

Giovanni Rossi è ritornato a casa. Lui, nativo di Bagno di Romagna, sarà il pilastro della Sampierana, la squadra in cui ha mosso i primi calci prima di trasferirsi al Cesena dove ha continuato il percorso delle giovanili fino alla prima squadra con cui ha vinto il campionato di serie C con mister Pierpaolo Bisoli alla guida. Quella col Cavalluccio è stata la sua prima promozione, l’altra Rossi l'ha ottenuta con il Santarcangelo dalla C2 alla C unica (Fabio Fraschetti allenatore) con la riforma del campionato.

Giovanni Rossi, come è stato il primo impatto con i nuovi compagni nel primo test stagionale contro il Cesena?

“Per una mezzora, finché hanno retto le gambe, si sono viste delle buone cose, ma giudizi veri e propri non si possono dare: la Sampierana inizia la preparazione l’8 agosto (la Coppa Italia scatta il 4 settembre, il campionato l’11). Conosco buona parte dei giocatori, alcuni sono di rientro da settori giovanili importanti, penso che possiamo fare bene e raggiungere il traguardo che ha posto la società: migliorare la posizione della stagione scorsa, se possibile lottare per il vertice. Non conosco il campionato, ma so che è agguerrito, con molti avversari e quest'anno il girone è a 16 squadre”.

In quale ruolo giocherà Giovanni Rossi? Terzino sinistro o difensore centrale?

“Il mio ruolo naturale è esterno mancino di difesa, qui giocherò invece da centrale, ruolo che in passato e la stagione scorsa ho già ricoperto più volte e che mi piace molto. Cercherò di mettere al servizio della squadra la mia esperienza, di dare consiglio ai più giovani anche in allenamento. Ho ancora stimoli, passione, giocando in casa non posso sbagliare perché avrò i riflettori puntati addosso e la Sampierana ha un buon seguito di tifosi. Per me questa stagione è assolutamente importante, non voglio fare brutte figure. Fisicamente sto bene, mi alleno, non ho avuto in carriera infortuni gravi: sono pronto a dare il meglio”.

Nelle ultime quattro stagioni ha militato nel campionato sammarinese, al Domagnano. Perché?

“A 29 anni con la regola degli under in serie C è stato difficile trovare l’ingaggio e allora ho fatto una scelta di vita guardando al futuro: da un lato laurearmi in Scienze Motorie (il traguardo della laurea magistrale è vicino) e dall'altro giocare nel campionato sammarinese che in questi anni è cresciuto molto tanto che le prime due, tre squadre farebbero una buona figura se militassero in serie D. A dicembre ho interrotto il mio rapporto con il Domagnano e con un gruppo di soci abbiamo preso in gestione il centro sportivo comunale che avrebbe bisogno di importanti lavori di riqualificazione e dunque di investimenti per valorizzarlo al meglio: a fine agosto scade il bando ma contiamo di continuare il nostro impegno. Quanto al progetto della società, mi ha coinvolto, anche per questo ho deciso di non spostarmi più: non ho più voglia di girare. Posso divertirmi con il calcio qui alla Sampierana”.

Rossi, per quanto tempo giocherà a calcio?

“Finché mi diverto e il fisico mi sorregge. E comunque prima di attaccare le scarpette al chiodo voglio vincere un altro campionato”. Chissà che non succeda al primo colpo...

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un campionato vinto col Cesena di Bisoli, 4 anni a San Marino e il traguardo della Laurea: torna alla Sampierana

CesenaToday è in caricamento