rotate-mobile
Calcio

Al Manuzzi il Cesena travolge il malcapitato Gubbio, i bianconeri si prendono la vetta della classifica

La formazione umbra perde il primato a Cesena. Segna il solito Corazza, poi nella ripresa fissano il 3-0 Saber e Ferrante, alla prima marcatura in campionato

Quinta vittoria di fila in campionato, ottavo risultato utile consecutivo e (momentaneo) primo posto. Il Cesena non si ferma più e rispedisce in Umbria con un sonoro 3-0 il Gubbio, che arrivava al Manuzzi da capolista. Una prestazione sontuosa quella dei bianconeri che hanno messo all'angolo per quasi tutta la gara gli uomini di mister Braglia, pericolosi soltanto in un'occasione nel primo tempo. Bellissima anche la cornice di pubblico: 9353 i tifosi presenti (di cui 435 ospiti), record stagionale. In attesa che si disputi l'altro big match di giornata tra Virtus Entella e Reggiana, la classifica vede i romagnoli per la prima volta in testa con 24 punti, uno in più dei liguri e del Gubbio, due sopra gli emiliani, il Siena e la Carrarese. In caso di pareggio tra Entella e Reggiana, i romagnoli si presenteranno nel posticipo di lunedì 14 a Chiavari da capolista. La sconfitta in Coppa Italia a Rimini è già dimenticata: questo Cesena è sulla strada che porta al vero obiettivo stagionale, il salto di categoria.

La partita

Toscano conferma gli 11 titolari di Montevarchi eccezion fatta per Coccolo, infortunato e sostituito da Mercadante.  Pronti-via a il Cesena sfiora il vantaggio già dopo 30 secondi: azione insistita, il pallone giunge a Chiarello che con un destro dal limite colpisce in pieno il palo alla sinistra del portiere. E' il preludio al gol che arriva un minuto dopo: imbucata verticale di Saber per Corazza, l'attaccante si porta davanti a Di Gennaro e firma l'1-0. I padroni di casa fanno la partita e schiacciani gli umbri nella loro metà campo. Ci prova Spina per gli ospiti al 19', ma la sua conclusione d'esterno al volo dal limite dell'area finisce ampiamente fuori. Occasione per i rossoblù al 31' con Arena, che dopo aver scambiato con Mbakogu si porta in area, salta Tozzo e conclude dal vertice sinistro dell'area piccola, ma Mercadante in scivolata salva tutto. Punizione dal limite per il Gubbio al 43', si incarica della battuta Toscano che colpisce la barriera bianconera. 

Nella ripresa il Gubbio resta schiacciato nelal propria trequarti, il Cesena sfiora il bis al 64' con Chiarello che colpisce il secondo palo della sua partita. Al 68' restano in 10 gli ospiti dopo il secondo giallo ricevuto da Vazquez, viene mandato negli spogliatoi anche l'allenatore Braglia per le troppe proteste. Al 73' il raddoppio bianconero con Saber, che col destro al volo dal limite dell'area la mette all'angolino alla sinistra di Di Gennaro. Toscano aspetta l'82' prima di effettuare i suoi primi cambi: Zecca, Francesconi e Ferrante rimpiazzano Albertini, Udoh e Saber. Ghiottissima chance per Ferrante all'86', Calderoni crossa e il numero 9 dall'area piccola svirgola fuori di testa. Al minuto 88 esce Chiarello tra gli applausi, al suo posto Adamo. Al primo dei 5 minuti di recupero arriva il tris del Cesena: angolo di Calderoni, spizzata imperiosa di Ciofi e Ferrante la spinge dentro dalla linea di porta, trovando il suo primo gol in campionato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Manuzzi il Cesena travolge il malcapitato Gubbio, i bianconeri si prendono la vetta della classifica

CesenaToday è in caricamento