Martedì, 16 Luglio 2024
Calcio

Calcio, inizia l'era di mister Michele Mignani: "Essere arrivato a Cesena è motivo gli orgoglio"

Sono le prime parole del nuovo tecnico bianconero Michele Mignani, presentato giovedì mattina nella sala stampa dell’Orogel Stadium Dino Manuzzi

“Come prima cosa desidero ringraziare la società e il direttore per la possibilità”. Sono le prime parole del nuovo tecnico bianconero Michele Mignani, presentato giovedì mattina nella sala stampa dell’Orogel Stadium Dino Manuzzi. “Descrivere se stessi è sempre difficile - ha affermato -. Quello che mi è sempre stato riconosciuto è un equilibrio personale che penso si possa ritenere una dote. Essere arrivato qua a Cesena è motivo di orgoglio. In questi giorni sto imparando a conoscere la proprietà che è ambiziosa e in forte crescita. Sono molto felice di aver accettato l’offerta del direttore”.

VIDEO - La presentazione di mister Mignani

Quanto alla squadra, "non si può prescindere da una formazione che abbia tanta voglia e corsa, che voglia vincere i duelli. Bisogna dare una organizzazione difensiva e una offensiva. Ogni stagione è diversa dall’altra e ogni stagione ti insegna qualcosa. Questa è una piazza e una società diversa rispetto a Bari e Palermo. Il presupposto è quello di proseguire sull’onda dell’entusiasmo anche se è un campionato diverso e bisognerà trovare un adattamento a una categoria nuova”.

Entra nel canale Whatsapp di CesenaToday

“Abbiamo una squadra giovane e dobbiamo partire da qui - ha rimarcato -. È prematuro parlare di quello che sarà e che faremo, bisogna sempre considerare che davanti abbiamo gli avversari. Cercheremo di avere un Cesena brillante e - che se può - diventa padrone della partita, ma incontreremo squadre attrezzate e organizzate. Penso che saranno tutte partite equilibrate e dovremo cercare le soluzioni migliore per fare male agli avversari. Ho ancora qualche giorno per pensare a cosa dire ai giocatori, quello che è certo è che nel calcio non conta cosa si è fatto fino a ieri e bisogna pensare al domani. Per alcuni sarà il primo anno in B, dovrò accompagnarli in questo percorso e il calcio non ti aspetta. Sarà una battaglia dietro l’altra per portare a casa i tre punti".

Obiettivi? "Sarà la società a rispondere. Per me l'obiettivo più grande è quello di creare un gruppo competitivo e dare il meglio di noi stessi. Credo che gli allenatori moderni debbano avere un raggio ampio per leggere la partita. Il modulo dello scorso anno ha dato i suoi frutti e se le caratteristiche dei giocatori lo permetteranno, si potrà ripartire da lì. Non è tanto il modulo o i numeri ma l’interpretazione. L’idea è di ripartire da un a difesa a tre. I giovani hanno dimostrato di essere interessanti e quest’anno hanno compartecipato alla vittoria del campionato e non vedo perché non si debba continuare su questo percorso.”

Quanto alla città, "tutte le volte che sono venuto a Cesena ho sempre trovato uno stadio con grande calore e una tifoseria appassionata e passionale. Come ha sempre fatto sono sicuro che darà una grande mano alla squadra". Lo staff sarà composto dall'allenatore in seconda Simone Vergassola, dal preparatore atletico Giorgio D'Urbano e il collaboratore tecnico Davide Campofranco".  A fare gli onori di casa il direttore dell’area sportiva Fabio Artico: “Questa è la prima conferenza del nuovo anno. Ci attende un campionato di Serie B: partiamo carichi e abbiamo voglia di iniziare a lavorare per preparaci a un campionato che sarà molto competitivo”.

“Noi siamo consapevoli di chi siamo e cosa rappresentiamo - ha aggiunto -. Abbiamo una piazza e dei tifosi che ci spingerà a fare sempre meglio. Vogliamo consolidarci in questa categoria che negli ultimi anni è diventata molto competitiva. Il mister ha fatto un percorso di crescita partendo dal settore giovanile fino ad arrivare ai buoni risultati di Bari e Palermo. È un allenatore che mi è sempre piaciuto: rivedo gli stessi valori della squadra e mi piace per lo stile, per il modo di essere e di rapportarsi. Ho preso un buon allenatore e sono molto felice di iniziare a lavorare con lui. Non ci poniamo obiettivi, bisogna essere a volte sognatori e a volti razionali, consapevoli che siamo in una categoria diversa. In questo momento il mercato è bloccato, è difficile anche perché i valori sono spostati verso l’alto. In questo momento stiamo attendendo così come altre società, consapevoli di avere degli obiettivi”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio, inizia l'era di mister Michele Mignani: "Essere arrivato a Cesena è motivo gli orgoglio"
CesenaToday è in caricamento