rotate-mobile
Calcio

La Torres rende onore ai vincitori, in campo finisce in pareggio: il Cesena può eguagliare il record di punti

Al Vanni Sanna si parte con un "pasillo", bel gesto dei giocatori della Torres che si dispongono in due file e applaudono i giocatori del Cesena all'ingresso in campo. In campo pareggio 1-1 e due legni per il Cavalluccio

Adamo risponde nella ripresa a Scotto che aveva segnato su rigore. Torres-Cesena finisce 1-1 e il Cavalluccio può eguagliare il record di punti della serie C detenuto dal Catanzaro (96 punti). Può farlo battendo il Perugia al Manuzzi nell'ultima giornata di un campionato dominato dagli uomini di Toscano. Ai sardi il punto basta per ipotecare il secondo posto matematico rendendo tutti contenti. Bianconeri sfortunati per i due pali colpiti da Berti e Corazza, ai punti avrebbe vinto sicuramente il Cavalluccio. La squadra sarda è l'unica a non aver capitolato contro il Cesena in questa stagione, avendo strappato due pareggi 1-1.

Al Vanni Sanna si parte con un "pasillo", bel gesto dei giocatori della Torres che si dispongono in due file e applaudono i giocatori del Cesena all'ingresso in campo, applaude anche il pubblico sardo, 400 i tifosi romagnoli arrivati in Sardegna. Toscano sceglie Pisseri tra i pali e non Siano, tridente composto da Berti, Kargbo e Corazza. I sardi giocano per assicurarsi il secondo posto matematico. Pronti via e al terzo minuto Berti coglie subito un palo, primo quarto d'ora di marca bianconera. Al 27esimo vicino al gol Kargbo che in diagonale non inquadra di poco lo specchio della porta. Al 30esimo si infiamma il match, fallo di Prestia in area che stende Scotto causando il calcio di rigore per i sassaresi. Una fiammata improvvisa dei sardi. Il capitano Scotto non sbaglia dal dischetto portando i sardi in vantaggio. Al 41esimo la reazione del Cavalluccio, Corazza anticipato di un soffio su assist di Berti. Si va al riposo con la Torres avanti 1-0 grazie al gol di Scotta su rigore, il secondo penalty stagionale subito dai bianconeri. In pratica le occasioni migliori sono state del Cavalluccio, ma a trovare il gol sono stati i sassaresi.

Toscano riparte con Ogunseye al posto di Kargbo. Al 55esimo Toscano ridisegna la squadra alla ricerca del pareggio, entrano Silvestri per Pieraccini ammonito, e Francesconi che prende il posto in mediana di Saber. Supremazia territoriale del Cavalluccio ma poche occasioni nel primo quarto d'ora della ripresa. Ogunseye ha reclamato invano un calcio di rigore, i bianconeri provano ad acciuffare il pareggio. Al 67esimo chiusura provvidenziale di Idda su Corazza che mette in calcio d'angolo, ma poteva essere una occasione invitante.Al 72esimo ancora occasione Cesena, murata la conclusione di Berti, un minuto dopo Adamo trova il pareggio che fa gioire i 400 tifosi romagnoli che hanno affrontato la lunga trasferta, sinistro implacabile dell'esterno napoletano. Al 78esimo contropiede fulmineo del Cesena, Berti per Ogunseye che sciupa tutto. All'84esimo clamoroso: Silvestri coglie la traversa e sulla ribattuta Corazza sbaglia il gol calciando alto sopra la traversa. All'86esimo in campo Coccolo per Adamo. Al 90esimo grande occasione per la Torres allo scadere, Ruocco fallisce il 2-1 e il risultato non cambia più dopo 4 minuti di recupero. Ultimi secondi in campo per Varone che prende il posto di Berti a recupero inoltrato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Torres rende onore ai vincitori, in campo finisce in pareggio: il Cesena può eguagliare il record di punti

CesenaToday è in caricamento