Sport

Cala il sipario sulla stagione del volley italiano, così ha sancito la Federazione 

La Federazione Italiana Pallavolo dispone la chiusura della stagione sportiva 2019/20

“La Federazione Italiana Pallavolo, dopo un’attenta e approfondita riflessione sulla perdurante situazione emergenziale legata alla pandemia di Covid-19 che sta interessando il territorio italiano e gli stati di tutto il mondo, ha decretato la conclusione definitiva di tutti i campionati pallavolistici di ogni serie e categoria. La FIPAV ritiene pertanto conclusi senza assegnazione degli scudetti, delle promozioni e delle retrocessioni tutti i campionati nazionali, regionali e territoriali". È stata inoltre dichiarata conclusa tutta l’attività sportiva legata alla disciplina del Sitting Volley.

La Fipav è arrivata a queste decisioni, tenendo anche conto dei recenti DPCM e delle Ordinanze emesse dal Governo e dalle Regioni, all’interno delle quali non emergono date certe circa la possibilità di riprendere l’attività sportiva in condizioni di completa sicurezza.
Le istituzioni nazionali, regionali e medico-scientifiche, inoltre stanno continuando a ritenere necessarie misure di distanziamento sociale per il superamento di questa drammatica emergenza.

Per quanto riguarda poi i campionati giovanili la Fipav ha stabilito che, per permettere agli atleti potenzialmente coinvolti quest’anno di proseguire l’attività giovanile, la prossima stagione si svolgeranno con categorie di annate dispari: Under 13, Under 15, Under 17, Under 19 Maschili e Femminili.

La Federazione Italiana Pallavolo, che fin dalle fasi iniziali di questa tragica pandemia, non ha mai fatto mistero della sua politica di gestione della situazione emergenziale, volta prioritariamente alla tutela della salute di ogni tesserato, con questi provvedimenti intende proseguire sulla strada intrapresa negli scorsi mesi.

Allo stesso modo la federazione ribadisce, ancora una volta, che il senso di responsabilità deve necessariamente essere alla base di ogni azione intrapresa in questi giorni e già da domani lavorerà per programmare al meglio la prossima stagione sportiva”. Si chiude quindi l’annata di 1000 atleti e 45 allenatori tesserati Volley Club Cesena nonché 30 dirigenti e 58 squadre bianconere.
Il Presidente Maurizio Morganti ha le idee chiare: "Lo stop a tutte le attività agonistiche e dei campionati di pallavolo a tutti i livelli è, per tutti gli oltre 70 collaboratori del nostro sodalizio sportivo, di sprone per organizzare la ripresa del prossimo anno. Siamo già protesi a organizzare la sostenibilità del settore giovanile e contiamo di ripartire dalla sessantina di squadre (maschili e femminili) dell’anno appena terminato". 

È lo sport di base che deve essere la priorità, prosegue Morganti: "In un contesto di risorse che si prefigurano scarse, chiamiamo a raccolta le Istituzioni e i nostri Sponsor affinché concentrino gli sforzi economici per fare continuare a vivere questi settori giovanili. Questo periodo di incertezze e fragilità mette in discussione diverse abitudini quotidiane ma il sodalizio bianconero vuole guardare avanti e preparare il futuro prossimo con lungimiranza e realismo, ribadendo appunto di voler ripartire dai giovani del territorio: «Per educare attraverso lo sport, per proseguire la formazione e per dare linfa anche alle nostre prime squadre, militanti in serie B maschile e B1 femminile".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cala il sipario sulla stagione del volley italiano, così ha sancito la Federazione 

CesenaToday è in caricamento