Beach, Gianluca Casadei tricolore: "E' un sogno"

«Ci mancava lo scudetto - ha spiegato il trentaquattrenne beacher cesenate - e lo abbiamo vinto dopo essere arrivati due volte in finale, nel 2007 e nel 2011»

«C’è voluto dell’impegno e della costanza. È stata una semina durata anni, ma alla fine, il frutto raccolto ha ripagato di tanti sacrifici». Gianluca Casadei, lo scudetto vinto domenica a Jesolo in coppia con Paolo Ficosecco, se lo è sudato, e se lo è pure meritato. A 48 ore dal tripudio della finale vinta contro i gemelli Matteo e Paolo Ingrosso, l’analisi in retrospettiva è necessaria, ma solo come viatico per il futuro.

«Ci mancava lo scudetto — ha spiegato il trentaquattrenne beacher cesenate — e lo abbiamo vinto dopo essere arrivati due volte in finale, nel 2007 e nel 2011». Per dare la dimensione del valore assoluto della coppia tricolore, alla ‘collana’ di piazzamenti va aggiunto il terzo posto di Casadei nel 2009 in coppia con Cicola, così come i due terzi posti di Ficosecco, nel 2006 con Malavolta, e nel 2010 con Mugnaini.

 «Il coronamento di un sogno — ha aggiunto Casadei, primo romagnolo di sempre ad aggiudicarsi lo scudetto di beach volley in campo maschile — non significa assolutamente che il tricolore vinto a Jesolo sia un punto di arrivo. La programmazione, i sacrifici e l’organizzazione che stanno dietro a questo risultato costituiscono piuttosto un punto di partenza per traguardi anche più prestigiosi».

La scelta di affidarsi ad un allenatore a tempo pieno come il brasiliano James Martin, ha effettivamente pagato in termini di risultati a lunga scadenza. Vinte le prime due tappe del Campionato italiano disputate a Napoli e Paestum, il lavoro specifico è stato modulato in maniera tale da arrivare al top per l’appuntamento più importante, cioè la finale scudetto. Il quarto e il quinto posto delle successive tappe di Ostia e Bibione (vinte entrambe dai gemelli Ingrosso), solo apparentemente sono da considerare una flessione di rendimento: «È una questione di dettagli — ha concluso Casadei — ma i dettagli diventano determinanti, soprattutto quando una finale scudetto la vinci 28-26 e 21-19. Scrupolo, dedizione e cura maniacale dei particolari: ecco il nostro segreto».

 Il sindaco di Cesena, Paolo Lucchi, si è congratulato con il beacher: "Credo che tutti i cesenati condividano con me la soddisfazione e l’orgoglio di vedere un loro concittadino raggiungere un traguardo così importante in questo sport, che sta raccogliendo un numero crescente di appassionati, specialmente fra i giovani".

"E la gioia per questo successo è tanto più grande, ricordando che per ben due volte il titolo ti era sfuggito per un soffio, nel 2007 e nel 2011 - continua Lucchi -. Probabilmente il grande pubblico ha conosciuto il beach volley come disciplina sportiva vera e propria in occasione delle recenti Olimpiadi di Londra, ma a Cesena già da tempo sono molti a praticarlo (anche grazie alla presenza di impianti qualificati, gestiti da imprenditori appassionati). Altrettanto numerosi sono i supporter che lo seguono e che, grazie anche all’attenzione della stampa locale, si tengono continuamente aggiornati sui tuoi risultati che, per fortuna, continuano a farci sorridere".

"So che imporsi ai livelli più alti in uno sport agonistico richiede sacrifici: oltre alla preparazione atletica e allo sforzo fisico, servono carattere, capacità di concentrazione, costanza. Il successo di oggi è il giusto premio per il tuo impegno di questi anni. Ma rappresenta anche – in questo momento così difficile - un esempio importante per tutti, per andare avanti e non arrendersi di fronte a difficoltà e delusioni. Complimenti Gianluca, e in bocca al lupo per le prossime sfide", conclude Lucchi.  Terminato il World Tour, Casadei-Ficosecco chiuderanno la stagione 2012, partecipando all’European Championship Sicily Masters, tappa conclusiva del campionato europeo (25mila euro di montepremi), in programma dal 28 al 30 settembre a Giardini Naxos (Messina).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’albo d’oro del Campionato italiano di beach volley: 2012 Casadei-Ficosecco; 2011 Fenili-Giumelli; 2010 Ingrosso-Ingrosso; 2009 Nicolai-Varnier; 2008 Domenghini-Zaytsev; 2007 Domenghini-Fenili; 2006 Tomatis-Fenili; 2005 Lione-Varnier; 2004 Lione-Varnier; 2003 Ghiurghi-Mascagna; 2002 Galli-Fenili; 2001 Raffaelli-Pimponi; 2000 Cordovana-Mascagna; 1999 Lequaglie- Mascagna; 1998 Rigo-Marino; 1997 Rigo-Marino; 1996 Conte-Sanguanini; 1995 Masciarelli-Fracascia; 1994 Ghiurghi-Lequaglie.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • Cresce la curva dei contagi, "focolaio" in un caseificio. Il Covid torna ad uccidere nel Cesenate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento