menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Basket serie B, un avversario tosto per i Tigers: al Carisport arriva la Fulgor Omegna

ell’”infermieristico” inizio di stagione, la Paffoni ha incamerato appena 2 punti in più dei Tigers di coach Di Lorenzo, battendo Rimini mercoledì scorso con una tripla nel finale e passeggiando ad Alessandria alla seconda giornata

Troppo parlare di corsi e ricorsi storici fra due formazioni che si incontrano per la sola seconda volta nella loro storia? Probabilmente no se le due squadre si sono affrontate ad alto livello, come una finale di Coppa Italia, e se su una delle due panchine siede il coach che nella medesima stagione affrontò Cesena in semifinale playoff. È oggi infatti Marco Andreazza l’allenatore della Fulgor Omegna, che domenica scenderà in campo con un motivo in più per avere il dente sportivamente avvelenato nei confronti dell’amico Giampaolo Di Lorenzo, “reo” di averlo liquidato 0-3 quando sedeva sulla panchina di Piombino. Una semifinale decisamente più tirata di quanto lo 0-3 non dica, con l’epico canestro all’ultimo secondo di Brkic a mandare in visibilio un Carisport traboccante di passione, spalancando così a Cesena le porte della finale.

Un’immagine che stride con l’attualità, ma che è saldamente fissata nella bacheca dei ricordi di tutti gli appassionati cesenati. Tempi diversi dunque e non solamente per l’assenza di pubblico sugli spalti. Il match di domenica vedrà di fronte due squadre chiamate a risalire lentamente la china dopo un avvio stentato, per motivi tecnici, i padroni di casa, per questioni pandemiche invece gli ospiti. Omegna peraltro dovrà fare con ogni probabilità a meno di Procacci, playmaker “amuleto” di coach Andreazza, praticamente messo dentro la valigia dell’allenatore in uscita da Piombino. Non ancora al meglio l’esterno fulgorino dopo l’infortunio patito in trasferta contro Oleggio, forse Procacci potrà essere impiegato solo pochi minuti contro Cesena. Non che sia un grosso problema per i piemontesi che piazzano uomini importanti proprio là dove è possibile fare più male ai bianconeri, ovvero sotto canestro. La presenza di giocatori esperti e spesso decisivi come Balanzoni e l’ex Faenza Sgobba sotto le plance, a garantire 22 punti e 12 rimbalzi in due a partita, mette sicuramente in allerta il reparto lunghi bianconero, che dovrà far tesoro dell’ottimo primo quarto di Leonardo Marini nel match dell’Epifania contro Alba. Non che sugli esterni la Paffoni scherzi. A partire da “Bobo” Prandin, play/guardia classe 1986, planato dalla Serie A2 di Verona, dopo 6 anni di fra Trieste e Virtus Roma, sempre al piano di sopra.

È proprio il numero 17 il miglior realizzatore dei piemontesi, con una media di 14 punti in 28 minuti, realizzati tirando con il 44% da 2 ed il 47% da 3. Pericolosità sugli esterni anche da Del Testa e Guido Scali, altra coppia da doppia cifra, che unita ai 10 di media realizzati dall’ala di 200 cm Artioli, contribuisce ai 75 punti di media realizzati dai piemontesi con una equa pericolosità, in termini di percentuali, fra smile e arco dei 6,75. Nell’”infermieristico” inizio di stagione, la Paffoni ha incamerato appena 2 punti in più dei Tigers di coach Di Lorenzo, battendo Rimini mercoledì scorso con una tripla nel finale e passeggiando ad Alessandria alla seconda giornata. Sconfitte invece di misura con Imola e Oleggio, prima del passaggio a vuoto del PalaCattani. Avversario dunque tosto per i romagnoli, ma probabilmente l’avversario giusto per certificare quel salto di qualità che i Tigers devono dimostrare di saper fare, mettendo in campo quel potenziale che c’è e che fino ad oggi poco si è fatto vedere. Appuntamento alle ore 18:00 di domenica 10 gennaio. Il match, trasmesso in diretta esclusiva su LNP Pass, sarà preceduto da un ampio prepartita live sulla pagina Facebook Tigers Cesena curato dall’area comunicazione cesenate. Ospiti di “Prima di…”, da Omegna il redattore sport di Vco Azzurra TV e telecronista delle partite dei piemontesi, Daniele Piovera, mentre al Carisport sarà presente la campionessa d’Europa del 1991 con la maglia della Ahena Cesena, Ivana Donadel. Arbitri dell’incontro Antonio Giunta di Ragusa e Lanfranco Rubera di Bagheria.   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Casa

Come eliminare l'odore del fumo in casa? Ecco tutti i segreti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento