Crisi Cesena, interesse del sottosegretario Giorgetti? Il caso al centro di un'interrogazione parlamentare

"Ben vengano - prosegue Lucchi - gli aiuti da parte di chi può, ma con tempi rapidi, se possibile"

Lo scorso 29 giugno il parlamentare Giancarlo Giorgetti si è recato nella sede dell’A.C. Cesena in veste di sottosegretario con delega allo Sport? E se sì, significa che sta seguendo direttamente la vicenda del club bianconero in virtù delle deleghe attribuitegli? A chiederlo è il deputato Alberto Pagani, eletto alla Camera nelle liste del Pd nel collegio uninominale di Ravenna, che al riguardo ha presentato un’interrogazione al presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte.

Dopo aver appreso dell’iniziativa del deputato ravennate, ha preso la parola il sndaco di Cesena, Paolo Lucchi: "Ringrazio molto il deputato Pagani che, con la sua interrogazione, certamente ​contribuirà a ​render​e​ trasparente un episodio che ha incuriosito tanti, che in questi giorni mi hanno chiesto ragione dell’interessamento sulle sorti del Cesena Calcio, di un uomo importante come il sottosegretario Giorgetti. Infatti, ​è giusto capire che fondamento reale abbiano le parole del già parlamentare Gianluca Pini anche perché​,​ se è vero che Giorgetti, qualora “fosse chiamato in causa, potrebbe tentare di scongiurare il rischio che nel prossimo anno sportivo non sia in campo alcuna squadra col nome Cesena” (come affermato da Pini)​, saremmo ​tutti ​ lietissimi di vederlo al nostro fianco in giorni che per la nostra città ed i tifosi, sono di incertezza e sofferenza".

"Ben vengano, quindi, - prosegue Lucchi - gli aiuti da parte di chi può, ma con tempi rapidi, se possibile. Perché, come ricorda Pagani nella sua interrogazione, se vuole dar​e​ una mano, il sottosegretario con delega allo Sport Giorgetti deve considerare il fatto che il prossimo 9 agosto è stata convocata la prima udienza in tribunale per discutere l’istanza di fallimento presentata dalla Procura della Repubblica di Forlì nei confronti dell’A.C. Cesena. Ma, soprattutto, che da qui alla fine di luglio si decide del futuro sportivo del calcio a Cesena. Su questo tema, non vi sono appartenenze politiche che ci differenzino: chi può far qualcosa, è bene accetto. Basta che non ci si limiti ad un “passaggio dalle parti di Corso Sozzi” e ci si muova invece con la stessa trasparenza e la stessa chiarezza di intenti che anche sabato ci hanno richiesto i tifosi durante la manifestazione tenutasi in Piazza del Popolo e che, assieme, stiamo cercando di confermare in questi giorni. Mi auguro quindi che il sottosegretario Giorgetti voglia rispondere rapidamente all’interrogazione ed a tutti noi, passando dalle parole ai fatti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

Torna su
CesenaToday è in caricamento