Una corsa unica nel cuore delle Foreste Casentinesi: ecco l'Avp501 Endurance Trail

501 chilometri lungo il crinale appenninico, attraverso luoghi di grande valore naturalistico, ricchi di importanti testimonianze storiche e culturali

Una gara di trail running unica, per contenuti atletici ed agonistici, in uno scenario altrettanto unico, per valore ambientale e paesaggistico: quello dell’Alta Via dei Parchi tra Emilia-Romagna, Toscana e Marche. È la Avp501 Endurance trail, la specialità di corsa a piedi in una sola tappa e in modalità assistita più lunga del mondo, che si svolgerà dall’1 al 9 settembre, da Pennabilli a Berceto (Parma): 501 chilometri lungo il crinale appenninico, attraverso luoghi di grande valore naturalistico, ricchi di importanti testimonianze storiche e culturali. Laghi incontaminati, calanchi e falesie di gesso, castagneti e faggete, praterie. Ma anche eremi, monasteri, antiche pievi.

“L’Emilia-Romagna punta con decisione sullo sport - ha sottolineato il presidente della Regione, Stefano Bonaccini - a partire dalla legge regionale di promozione della pratica sportiva e di sostegno alle associazioni, stanziando 20 milioni di euro per l’impiantistica, per ristrutturare e costruire nuovi spazi, palestre, piscine, campi da gioco, a beneficio dei sempre più numerosi cittadini che praticano una disciplina, e promuovendo le grandi manifestazioni che possono diventare un ulteriore elemento di attrattività del nostro territorio. L’Avp 501 Endurance trail è una di queste: un grande appuntamento sportivo di livello internazionale, che permetterà di accendere i riflettori sulle straordinarie bellezze del nostro Appennino. Sempre più sport, turismo e ambiente, sono volano per una crescita sostenibile e di qualità della nostra regione, che piace sempre di più sia ai nostri connazionali, sia a visitatori e turisti dei Paesi di tutto il mondo”.

Per Davide Cassani, presidente di Apt Servizi Emilia-Romagna, "il calendario di prestigiosi eventi sportivi di caratura internazionale che vanta oggi l’Emilia Romagna si arricchisce di un nuovo appuntamento che unisce al carattere altamente competitivo uno scenario naturalistico di rara bellezza e fascino. Ancora una volta si rafforza il connubio vincente tra sport e natura, con la Regione a proporre i suoi paesaggi più suggestivi e ricchi di storia come teatro di originali competizioni, che diventano occasione di promozione turistica e valorizzazione internazionale delle nostre tante eccellenze”.

“Gli oltre 500 chilometri lungo il crinale appenninico dell’Alta Via dei Parchi attraversano ben otto parchi naturali e rappresentano un percorso dal valore ambientale e paesaggistico unico - ha ricordato l’assessore regionale alle Politiche ambientali e alla montagna Paola Gazzolo - un itinerario che la Regione ha voluto istituire proprio perché si traducesse in un ulteriore elemento di attrazione e competitività del territorio. Iniziative come l’Avp501 Endurance Trail vanno in questa direzione. Svelare le bellezze dell’Appennino, anche con modalità innovative di fruizione, è un tassello importante nella strategia complessiva di crescita sostenibile a cui puntiamo per il futuro della nostra montagna”.

Protagonista l’Appennino forlivese e cesenate

Protagonista dell’Avp510 anche il territorio in provincia di Forlì-Cesena. Un territorio di crinale che interessa anche le province toscane di Arezzo e Firenze. Superato il Passo dei Mandrioli, gli atleti scenderanno a Badia Prataglia, nel cuore del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. Dall’Eremo di Camaldoli passeranno a Poggio Scali (1520 m) e al Monte Falterona (1657 metri). Dopo la discesa fino a Castagno D’Andrea, arriveranno al Passo del Muraglione, al Pianoro dei Romiti e alla Cascata dell’Acquacheta. Da qui transiteranno per San Benedetto in Alpe, Ponte della Valle, Eremo di Gamogna fino alla discesa verso Marradi.

L’avventura che non ti aspetti 

Una gara lunga tutta una regione, alla scoperta di quanto di meglio l’Appennino può offrire, in un territorio ancora poco conosciuto. In poche parole: l’avventura che non ti aspetti. Un’esperienza non comune anche da un punto di vista sportivo. Non solo per la lunghezza del percorso, al 95% non asfaltato, ma anche per il dislivello positivo di 30mila metri, da percorrere in una sola tappa e in modalità assistita: gli atleti dovranno gestire in autonomia i tempi di sosta, compresi quelli per l’approvvigionamento idrico e alimentare, per concludere la gara in un tempo massimo di 200 ore (otto giorni). Promossa della Regione Emilia-Romagna, organizzata dall’associazione sportiva Lupi d’Appennino di Piacenza, in collaborazione con Uisp Emilia-Romagna, Enti parco e il Cai gruppo regionale Emilia-Romagna, la Avp501Endurance trail è una gara podistica di resistenza che si rivolge ad atleti di tutto il mondo.

38 punti ristoro, 7 basi vita

Lo start sarà alle ore 9 di sabato 1 settembre a Pennabilli. L’arrivo a Berceto, in provincia di Parma, entro domenica 9 settembre, alle ore 17. Sul percorso sono presenti 38 ristori per rifocillarsi, a intervalli di 10-15 km, e 7 basi vita: centri organizzati dove gli atleti possono dormire, trovare assistenza medica e avere a disposizione effetti personali trasportati di base in base dall’organizzazione. L’Endurance trail infatti non è una gara a tappe con soste programmate, ma un tracciato da percorrere in continuo, giorno e notte, con gli atleti che devono autogestire i tempi di sosta, l’alimentazione e il materiale personale.  Le iscrizioni, aperte dall’1 marzo,chiuderanno il 31 luglio.

Otto i parchi naturali attraversati

Dopo un primo test nel 2016, quella di settembre rappresenta la prima edizione di una manifestazione che la Regione vuole rendere stabile nel tempo. L’obiettivo è far conoscere sempre di più  e promuovere, anche da un punto di vista turistico, un percorso – quello dell’ Alta Via dei Parchi –  che superando  i confini amministrativi di tre regioni e di 12 province,  si snoda attraverso otto parchi: quelli nazionali dall’Appennino Tosco-Emiliano e  Foreste Casentinesi, Monte Falterona, Campigna; i cinque parchi regionali dell’Alto Appennino Modenese, Valli del Cedra e del Parma, Corno alle Scale, Laghi di Suviana e Brasimone, Vena del Gesso Romagnola; il  parco interregionale di Sasso Simone e Simoncello, incrociando le antiche vie dei pellegrini, Francigena e Romea. Il ricco programma di eventi che da giugno a settembre hanno luogo ogni anno nelle località dell’Alta Via dei Parchi quest’anno avrà un focus particolare proprio nella settimana dall’1 al 9 settembre, grazie anche alla collaborazione con Apt Servizi. A partire dalla giornata della partenza a Pennabilli, l’1 settembredove l’inizio della gara coinciderà con un week end di grande festa.

Il sistema regionale fa squadra con gli atleti. Sicurezza al primo posto

Ogni atleta dell’AVP501 Endurance Trail sarà dotato di un dispositivo Gps per la rilevazione della posizione. Ma non solo: una gara di resistenza in territori impervi come quelli appenninici richiede un’organizzazione accurata per garantire sicurezza e assistenza. In prima fila il sistema di emergenza-urgenza del Servizio sanitario regionale, con il servizio 118, l’elisoccorso, leassociazioni di volontariato sanitario Anpas Emilia-Romagna, Confraternita della Misericordia e Croce Rossa e il Soccorso Alpino Emilia-Romagna. Gli atleti in ognuna delle sette “basi vita” troveranno un’ambulanza con personale medico e infermieristico, mentre i 500 chilometri del percorso saranno monitorati dai volontari del Soccorso alpino. Tra le realtà coinvolte nell’organizzazione di questa prima edizione della Avp501 Endurance Trail anche la rete dei Parchi dell’Emilia-Romagna per l’allestimento dei punti di ristoro e basi vita, e Arpae Emilia-Romagna per il servizio di previsioni meteo. Apt Servizi è invece protagonistadell’attività di promozione e di commercializzazione delle proposte turistiche costruite intorno all’Alta Via dei Parchi.  

L’Alta via dei Parchi: a piedi o in mountain bike, ma alla portata di chiunque

Non solo atleti di trail running oescursionisti esperti. L’Alta Via dei Parchi può contare su un percorso attrezzato, alla portata di chiunque voglia sperimentarlo, anche per una sola delle 27 tappe previste, grazie a un’apposita segnaletica e a numerose strutture di accoglienza (rifugi e ostelli). Completano l’offerta depliant informativi, guide e una cartografia coordinata. Dal 2016 è possibile  percorrere l'Alta Via dei Parchi anche in mountain bike: una magnifica grande traversata lunga 672 chilometri, con 24mila metri di dislivello, da percorrere in 28 tappe. Untracciato fruibile anche con l’utilizzo del treno, che permette di raggiungere comodamente l’inizio, la fine, oltre che un paio di punti intermedi dell’intera traversata. Dal 2017 sono state lanciate sul mercato grazie a un lavoro coordinato tra imprese del territorio, Apt Servizi e Regione, sei proposte turistiche dedicate all’Alta Via dei Parchi.Trapunti di forzale tradizioni locali, l’enogastronomia, l’artigianato, i beni culturali e architettonici, oltre alle componenti naturali, ambientali e paesaggistiche. Un’occasione importante per ristoranti, agriturismi, rifugi per affacciarsi, tramite agenzie di viaggio locali, su nuovi mercati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento