Nuove tecniche di apprendimento: centinaia di studenti incontrano il candidato al Nobel per la pace Tony Buzan

Lo psicologo inglese è riconosciuto come uno dei maggiori esperti in tema di relazione tra risorse celebrali e applicazioni di queste alla sfera pratica della memorizzazione e organizzazione concettuale

Mattinata speciale, quella di martedì al Teatro Moderno di Savignano, per oltre 400 tra studenti ed insegnanti che hanno assistito ad una lezione del professor Tony Buzan, candidato al Nobel per la Pace e sostenitore del progetto Scuola 3.0 promosso dell’associazione Incitement Italy. Il progetto ha come obiettivo la diffusione delle tecniche di apprendimento rapido, il lavoro sui talenti, lo sviluppo dell’intelligenza emotiva e la comunicazione efficace per studenti, educatori e genitori.

Lo psicologo inglese è riconosciuto come uno dei maggiori esperti in tema di relazione tra risorse celebrali e applicazioni di queste alla sfera pratica della memorizzazione e organizzazione concettuale. L’intensa mattinata è stata dedicata agli studenti di diverse scolaresche delle scuole di Savignano e San Mauro Pascoli dalle 9,30 alle 12,30; traduttore e correlatore è stato Jacopo Tabanelli, formatore, ideatore del progetto Scuola 3.0 e collaboratore del professor Buzan. L’evento, patrocinato dall’amministrazione comunale sia di Savignano sul Rubicone che San Mauro Pascoli, ha riscosso molto apprezzamento, sia da parte dagli insegnanti che dagli studenti presenti, che si sono fermati addirittura a richiedere l’autografo del Prof. Buzan sia su libri, che sulle mappe disegnate durante l’incontro alla fine dell’evento stesso.

Degna di nota la testimonianza di una ragazzina di san Mauro Pascoli, che usa abitualmente il metodo e sul palco ha raccontato come è migliorato il suo rendimento con le mappe mentali. L’interesse parallelo di studenti e insegnanti per la metodologia di agevolare l’apprendimento è un dato importante. Tra le otto competenze di cittadinanza europea l'imparare ad imparare è sicuramente il punto di riferimento per il presente e futuro della scuola e dell’impresa italiana ed è evidente come sia una delle proposte più difficili da tradurre in concreto. L'approccio del Prof. Buzan all'organizzazione delle informazioni attraverso le mappe mentali è sicuramente uno dei metodi più concreti e sperimentati nel percorso di facilitazione dell’apprendimento.

Doveroso sottolineare la collaborazione con gli sponsor dell’evento, il Tacchificio Zanzani, AutoPlaya, Magazzini Branducci e Macro Edizoni; un ringraziamento speciale alla fotografa Marina Carlini per il suo prezioso contributo, al Team di "Scuola 3.0" (Micaela Branducci, Isabella Marvelli, Lara Fiorentini, Sofia Gobbi, Laura Tonus,  Claudia Negri, Francesca Zanelli, il presidente di Incitement Italy Lorenzo Olivieri, ai tecnici e a tutti coloro che hanno contribuito alla buona riuscita dell’evento). E’ stata indubbiamente un'occasione per entrare in contatto con una metodologia ormai di uso comune nel mondo delle grandi imprese, quindi strumento che gli studenti potranno utilizzare tanto nel loro presente all’interno del loro percorso scolastico, quanto nel futuro di adulti inseriti nel mondo del lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento